Nefridio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il nefridio è un organo escretore degli invertebrati dalla funzione analoga a quella dei reni; infatti rimuove gli scarti metabolici dal corpo di questi animali. È presente in quasi tutti gli ordini di invertebrati e se ne distinguono fondamentalmente due tipi, metanefridio e protonefridio.

Metanefridio[modifica | modifica sorgente]

Questo tipo di apparato escretore è comune negli anellidi, artropodi e molluschi. Consiste in un tubulo ciliato, situato nel celoma, collegato a un imbuto, chiamato nefrostoma. Nel tubulo vengono assorbiti acqua, sali in eccesso, scarti metabolici ed eventuali tossine e si forma un'urina diluita che viene espulsa dall'organismo attraverso aperture note come nefridiopori. In molti anellidi questi piccoli condotti sbucano nell'intestino; in tal caso si parla di enteronefridio.

Protonefridio[modifica | modifica sorgente]

Il protonefridio, invece, consta di una rete di tubicini a vicolo cieco e sprovvisti di aperture. Le parti terminali di questi tubicini vengono denominate cellule di fuoco (o cellule a fiamma) se sono ciliate, o solenociti se sono munite di flagello. Queste assolvono la loro funzione per osmosi. Ogni cellula possiede una o più ciglia con il movimento delle quali creano una corrente che consente l'aspirazione delle scorie e degli scarti dal fondo del tubicino fino al protonefridio; per osmosi infatti riescono a passare piccole molecole ma non le grosse proteine che necessitano di questi movimenti addizionali. Quindi questi scarti dal fondo del protonefridio sono condotti attraverso il tubo ed escono dall'animale attraverso una piccola apertura formata dal nefridioporo. I protonefridi si trovano negli invertebrati più antichi quali i vermi piatti.