Myotis phanluongi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis phanluongi
Immagine di Myotis phanluongi mancante
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.phanluongi
Nomenclatura binomiale
Myotis phanluongi
Borisenko, Kruskop & Ivanova, 2008

Myotis phanluongi (Borisenko, Kruskop & Ivanova, 2008) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi endemico del Vietnam.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo di 39 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 33,5 e 36 mm, la lunghezza della coda di 35 mm, la lunghezza del piede di 7,4 mm e la lunghezza delle orecchie di 12,3 mm.[1]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Le parti dorsali sono bruno-nerastre, mentre le parti ventrali sono bruno-giallastre, con la base dei peli bruno-nerastra. Le orecchie sono piccole, strette e con un incavo ben distinto sul bordo esterno. Il trago è sottile e appuntito. Le ali sono attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi, i quali sono piccoli. La coda è lunga ed inclusa completamente nell'ampio uropatagio.

Ecolocazione[modifica | modifica sorgente]

Emette ultrasuoni a banda stretta con massima energia a 42-45 kHz.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di instti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica della parte meridionale degli altopiani centrali del Vietnam.

Vive nelle foreste mature montane tra 900 e 1.500 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie, essendo stata scoperta solo recentemente, non è stata sottoposta ancora a nessun criterio di conservazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Borisenko & Al., 2008, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi