Museo nazionale di Damasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Museo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
L'ingresso del museo, che ingloba il portale monumentale del Qasr al-Hayr al-Gharbi, uno dei più noti castelli degli Omayyadi
Bassorilievo nel giardino del museo

Il Museo Nazionale di Damasco è il principale museo archeologico di Damasco e uno dei più importanti di Siria. Situato nel quartiere ovest della città, tra l'Università di Damasco e la Moschea Tekkiye, fu costruito nel 1936 per collocarvi le collezioni archeologiche nazionali, raccolte a partire dal 1919. L'edificio fu rinnovato e ingrandito nel 1956 e nel 1975.

Il meglio delle collezioni è la ricostruzione della sala dell'assemblea della sinagoga di Dura Europos.

L'entrata dell'edificio è caratterizzata dalla ricostruzione della facciata monumentale del palazzo detto Qasr al-Hayr al-Gharbi

La prima sala è dedicata a Palmira.
La seconda sala è dedicata a Dura Europos.
Un'altra sala è dedicata all'arte bizantina.
Un'altra a Ugarit.
Una ancora a Ebla
ed infine una a Mari.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alfonso Anania - Antonella Carri - Lilia Palmieri - Gioia Zenoni, Siria, viaggio nel cuore del Medio Oriente, 2009, Polaris, p. 162-171

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]