Momčilo Krajišnik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Momčilo Krajišnik (in alfabeto cirillico Момчило Крајишник; Sarajevo, 20 gennaio 1945) è un ex politico bosniaco di etnia serba.

Tra il 1990 e il 1992 fu il presidente dell'Assemblea Nazionale della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina e tra giugno e dicembre 1992, membro della presidenza allargata della stessa repubblica. Dopo la guerra di Bosnia divenne il rappresentante serbo della presidenza a tre della Bosnia ed Erzegovina dal 1996 al 1998, anno del quale non fu rieletto perché sconfitto da Živko Radišic. Nel 2006 il Tribunale Penale Internazionale per i crimini commessi nella ex Jugoslavia (International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, abbreviato in ICTY) lo ha dichiarato colpevole di crimini contro l'umanità durante la guerra di Bosnia e lo ha condannato a 20 anni di reclusione[1][2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bosnia Serb jailed for war crimes in BBC News, 27-09-2006. URL consultato il 24-05-2009.
  2. ^ (EN) Krajisnik appeal fails in Euronews.net, 17-03-2009. URL consultato il 24-05-2009.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie