Mitopoiesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La mitopoiesi (dal greco μυθοποίησις "creazione del mito") è un genere narrativo nella letteratura moderna e nel cinema dove viene sintetizzata una mitologia fantastica dall'autore o dal regista.

La parola compare già nell'opera Volkerpsychologie[1], e verrà poi sviluppata dallo scrittore britannico J.R.R. Tolkien negli anni trenta; gli autori di questo genere, seguendo l'esempio di Tolkien, integrano temi mitologici tradizionali assieme ad archetipi nei propri lavori. Queste nuove mitologie, invece di emergere dopo secoli di tradizione orale come avviene nella realtà, sono create in un breve periodo di tempo da un singolo autore o da un piccolo gruppo di collaboratori.

Fra i maggiori autori mitopoietici si ricordano, fra gli altri, J. R. R. Tolkien, C. S. Lewis, Howard Phillips Lovecraft, F. Herbert e G. MacDonald, Cesare Pavese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vol. 2: Mithus und Religion (1906) di W. Wundt.