Melasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Melasma
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 709.09
ICD-10 (EN) L81.1
Sinonimi
cloasma
maschera della gravidanza


Il melasma o cloasma definito anche come maschera della gravidanza è un'alterazione a livello cromatico della cute caratteristica della gravidanza, può anche essere causato dall'assunzione della pillola anticoncezionale, dalla somministrazione di idantoina o essere idiopatico

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Si presenta sotto la forma di macule o chiazze piane di colore bruno o marrone, che coinvolgono le guance, le tempie, e la fronte bilateralmente. La luce solare può accentuare questa pigmentazione, che spesso si risolve spontaneamente con l'interruzione dello stimolo ormonale.

Anatomia Patologica[modifica | modifica sorgente]

Sono stati riconosciuti tre quadri istologici:

  • Un tipo epidermico, in cui vi è un aumento del deposito della melanina nello strato basale
  • Un tipo dermico caratterizzato dalla presenza di macrofagi nello strato papillare del derma che fagocitano la melanina proveniente dall'adiacente strato epidermico (processo noto come incontinenza del pigmento melaninico)
  • Un tipo misto caratterizzato da una combinazione dei due tipi già citati.

Questi tre tipi possono essere distinti con l'uso della luce di Wood ("luce nera"), che permette all'ispezione clinica di distinguere tra pigmentazione epidermica e dermica. La distinzione è importante poiché il melasma epidermico, e in parte quello misto, risponde alla somministrazione topica di idrochinone.

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

Sembra essere correlata ad alterazioni funzionali dei melanociti, responsabili di un aumento del trasferimento della melanina ai cheratinociti dello strato basale o ai macrofagi del derma.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Grande Dizionario Medico Enciclopedico, Curcio, Curcio editore Roma 1973
  • Le Basi Patologiche delle Malattie, Robbins e Cotran, Ed. Elsevier e Masson
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina