Massimiliano di Tebessa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Massimiliano di Tebessa

Martire

Nascita 274
Morte 295 circa
Canonizzazione pre canonizzazione
Ricorrenza 12 marzo
Patrono di Obiettori di coscienza

Massimiliano di Tebessa (274Tebessa, 12 marzo 295) è stato un martire cristiano, venerato come santo e considerato il patrono degli obiettori di coscienza.

Massimiliano di Tebessa subì il martirio il 12 marzo 295, sotto il consolato di Nummio Tusco e Gaio Annio Anullino, a Tebessa, nei pressi di Cartagine. Fu ucciso perché, chiamato al servizio militare, rifiutò l'arruolamento, sostenendo che il suo essere cristiano non fosse compatibile con la violenza e quindi con l'esercito. Per questo viene ricordato come uno dei primi obiettori di coscienza e in quanto tale ne è stato nominato patrono.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 232014335