Massacro di Novi Sad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massacro di Novi Sad
Stato Serbia Serbia
Luogo Novi Sad
Obiettivo Pulizia etnica e politica della città di novi Sad
Data 23 gennaio 1942
Morti 3.809 - 4.211
Responsabili Sandor Kepiro
Motivazione Politica e ideologica

Il massacro di Novi Sad è stato un eccidio avvenuto nella città di Novi Sad, all'epoca in Ungheria, svolto dalla gendarmeria ungherese il 23 gennaio 1942.

L'Ungheria era sotto la reggenza di Miklós Horthy, con posizioni molto vicine alle potenze dell'Asse. Durante l'aggressione alla Jugoslavia da parte della Germania, l'Ungheria collaborò e annesse il territorio sotto il suo controllo, compresa la città di Novi Sad. La forte resistenza dei partigiani locali, fece scattare la rappresaglia il 23 gennaio 1942, con l'ordine di pulizia etnica e politica della città da "rifiuti e spazzatura".

Sandor Kepiro era a capo della locale Magyar Kiralyi Csendorsèg, la gendarmeria magiaria, e ricevette l'ordine di intervenire nella pulizia etnica di Novi Sad: con il pretesto di combattere i partigiani, l'esercito invase la città e vennero catturate e trucidate migliaia di persone tra uomini, donne, anziani e bambini (ci furono anche dei sacerdoti tra le vittime): lo storico Zvonimir Golubović stima in 3.809 il numero delle vittime[1], mentre altre fonti parlano di 4.116[2] o 4.211 morti.

Golubović classificò le vittime per genere, età ed etnia: su 3.809 v'erano 1.965 uomini, 927 donne, 477 bambini e 440 anziani; 2.578 erano serbi, 1.068 ebrei, 64 rom, 31 ruteni, 21 ungheresi e 15 russi[1].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Zvonimir Golubović, Racija u Južnoj Bačkoj 1942, Godine, Novi Sad, 1992, page 147.
  2. ^ L. Yahil, The Holocaust: The Fate of European Jewry, 1932-1945, Oxford University Press, 1991, p. 503

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]