Martin Heinrich Klaproth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martin Heinrich Klaproth

Martin Heinrich Klaproth (Wernigerode, 1º dicembre 1743Berlino, 1º gennaio 1817) è stato un chimico tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu il primo a scoprire l'uranio e lo zirconio e a caratterizzarli come elementi distinti, anche se non riuscì ad ottenere nessuno dei due allo stato metallico puro; inoltre chiarì la composizione di numerose sostanze fino allora conosciute in modo imperfetto, inclusi i composti di elementi allora appena scoperti: tellurio, stronzio, cerio e cromo e diede il nome al titanio.

I suoi articoli, in numero di oltre 200, furono raccolti da lui stesso in Beiträge zur chemischen Kenntnis der Mineralkörper (5 voll., 1795-1810) e Chemische Abhandlungen gemischten Inhalts (1815). Inoltre pubblicò il libro Chemisches Wörterbuch (1807-1810), e un'edizione riveduta del "Manuale di chimica" (Handbuch der Chemie) di F. A. C. Gren (1806).

Il cratere lunare Klaproth ha ricevuto questo nome in suo onore.

Suo figlio Julius fu un famoso orientalista.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84799098 LCCN: n83825276