Lucas Kazan Productions

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucas Kazan Productions
Stato Italia Italia
Tipo società privata
Fondazione 1998 a Los Angeles
Fondata da Lucas Kazan
Sede principale Hollywood
Persone chiave Ettore Tosi
Settore Pornografia gay
Prodotti Film
Sito web www.lucaskazan.com

La Lucas Kazan Productions è un casa di produzione cinematografica che produce e distribuisce film pornografici gay, fondata nel 1998 da Lucas Kazan.

La casa di produzione è nota a livello internazionale per la cura e la qualità della fotografia nei suoi film, più volte candidati a (e vincitori di) premi del settore. Ha esportato il made in Italy in tutto il mondo, girando i propri film nei luoghi più suggestivi d'Italia e costruendo uno star system anche italiano.

Non pochi titoli della Lucas Kazan Productions sono omaggi in chiave hard alla tradizione operistica italiana. Il film L'elisir d'amore è basato l'omonima opera di Donizetti, A Sicilian Tale è ispirato alla Cavalleria rusticana di Mascagni, Under the Big Top ai Pagliacci di Leoncavallo, The School of Lovers all'opera buffa Così fan tutte di Mozart. Altri titoli attingono al teatro e alla letteratura italiani: Decameron si ispira a due novelle del Boccaccio, The Innkeeper alla La locandiera del Goldoni.

Tra i primi titoli prodotti vi furono Hotel Italia e Italian Style, distribuiti sotto l'etichetta Lucas Kazan Productions. Solo i primi film furono distribuiti regolarmente in Italia, i successivi furono distribuiti per il mercato internazionale, per tutelare l'identità di alcuni modelli italiani.[1]

Il film Italian Style, co-produzione con Kristen Bjorn, ha vinto nel 2001 un GayVN Award come miglior video straniero.[2] Premio bissato nel 2007 con The School for Lovers[3] e nel 2009 con Italians and Other Strangers.

I modelli lanciati da Kazan sono apparsi sulle più importanti copertine di riviste del settore e in vari libri fotografici, come Taste of Italy, pubblicato nel 2003 e Italian Style, pubblicato nel 2008 in occasione del decimo anniversario della Lucas Kazan Productions.[4]

La casa di produzione ha ricevuto, nel corso degli anni, diverse candidature ai Premi XBiz e Cybersocket. In particolare, le candidature al Premio Cybersocket 2008 per il Miglior Sito a Tematica Europea e al Premio Xbiz 2010 per l'azienda GLBT dell'anno.[5]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Journey to Italy (1997)
  • The Summoner (1998)
  • Hotel Italia (1999)
  • Across the Ocean (2000)
  • Road to Naples (2000)
  • Italian Style (2000)
  • American Holidays (2001)
  • L'elisir d'amore (2002)
  • Maspalomas (2002)
  • Out in Tuscany (2002)
  • The Innkeeper (2003)
  • A Sicilian Tale (2003)
  • LKP Video Highlights (2003)
  • Mykonos (2003)
  • Under the Big Top (2003)
  • Journey to Greece (2004
  • Backstage (2004)
  • Italian for the Beginner (2004)
  • Love and Lust (2005)
  • Decameron: Two Naughty Tales (2005)
  • The School for Lovers (2006)
  • The Men I Wanted (2007)
  • Sexcursions (2008)
  • Italians and Other Strangers (2008)
  • Daniel and His Buddies (2009)
  • Sexcursions 05 (2009)
  • RoughTender (2010)
  • Mambo Italiano (2011)

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucas Andrades
  • Jake Andrews
  • Bruno Boni
  • Federico Bulsara
  • Sasha Byazrov
  • Vilem Cage
  • Raul Korso
  • Darius Ferdynand
  • Pietro Cattani
  • Tiziano Cortese
  • Eric Flower
  • Lucas Foz
  • Jean Franko
  • Roberto Giorgio
  • Diego
  • Wagner
  • Victor Racek
  • Marco Ramazzotti
  • Karl Rok
  • Pietro Rosselli
  • Giorgio Salieri
  • Ettore Tosi
  • Dario Beck
  • Tomas Brand
  • Matthias Vannelli
  • Max Veneziano
  • Julian Vincenzo
  • Will Helm

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un italiano a Hollywood, arcigaymilano.org. URL consultato il 26-12-2009.
  2. ^ Awards for Italian Style, imdb.com. URL consultato il 26-12-2009.
  3. ^ Awards for The School for Lovers, imdb.com. URL consultato il 26-12-2009.
  4. ^ Lucas Kazan Productions Celebrates 10 Years, business.avn.com. URL consultato il 26-12-2009.
  5. ^ (EN) XBIZ Announces Finalist Nominees for 2010 XBIZ Awards, xbiz.com. URL consultato il 17-03-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]