Liu Bolin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liu Bolin

Liu Bolin 劉勃麟 (Shandong, 7 gennaio 1973) è un artista cinese, noto per i suoi autoritratti fotografici, caratterizzati dalla fusione del corpo con l'area circostante.

Si è diplomato a Pechino, nel reparto della scultura dell'Accademia Centrale delle Belle Arti.

Liu appartiene alla generazione dei primi anni '90, tempi in cui la Cina rinacque dalle macerie della Rivoluzione Culturale e godette di un rapido sviluppo economico e di una relativa stabilità politica.[1]

Dopo le sue prime mostre a Beijing nel 1998, il talento di Liu godé di una fama e di riconoscenza internazionale. Le sue fotografie e le sue sculture vennero messe in mostra nei festival di fotografia moderna di Arles, nel distretto artistico di Dashanzi a Pechino e nella galleria d'arte Bertin-Toublanc a Parigi nel 2007, a New York nel 2008, e nel Centro Internazionale di Fotografia di Milano Forma (2010).[2]

Per celebrare la visita del presidente americano Obama in Cina, Liu ritrasse un'effigie in suo onore.[3]

Attualmente Liu Bolin vive a Pechino.

Nel giugno del 2011, Liu creò delle opere intitolate Hiding in New York (nascosto per New York), nelle quali egli fonde aree simboliche newyorkesi nelle sue opere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hide and seek in Shin Production, 2008.
  2. ^ Hiding in Italy in Shin Production, 2010.
  3. ^ http://www.huffingtonpost.com/2009/11/12/burning-man-obama-video-c_n_355418.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 95530419 LCCN: no2012007678

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie