Licantropia Apocalypse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Licantropia Apocalypse
Titolo originale Ginger Snaps 2: Unleashed
Paese di produzione Canada, USA
Anno 2004
Durata 94 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Brett Sullivan
Soggetto Karen Walton
Sceneggiatura Megan Martin
Fotografia Henry Less, Gavin Smith
Montaggio Michele Conroy
Effetti speciali Leo Wieser
Musiche Kurt Swinghammer
Scenografia Doug Blackie
Interpreti e personaggi

Licantropia Apocalypse (Ginger Snaps 2: Unleashed) è un film del 2004, diretto dal regista Brett Sullivan.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Brigitte sta cercando di evitare ciò che è capitato a sua sorella Ginger, prima trasformata in lupo mannaro e poi uccisa da Brigitte stessa. Il terribile morbo scorre già nel suo sangue e l'unica speranza di salvezza risiede in un antidoto che tuttavia non fa altro che rallentare gli effetti del morbo. Reclusa in un centro di riabilitazione per tossicodipendenti, Brigitte, in stato confusionale, viene privata dell'antidoto che frena la sua brama di sangue e le impedisce di trasformarsi in un licantropo che istintivamente uccide chiunque sia sulla sua strada. Nel frattempo un lupo mannaro (lo stesso che ha aggredito e trasformato Ginger nel primo film) si aggira nei dintorni dandole la caccia. Stringendo amicizia con un'orfana, soprannominata Ghost, Brigitte riesce a scappare e si rifugia nella vecchia casa di Ghost. Lì tenterà inutilmente di fermare il morbo.

Serie[modifica | modifica sorgente]

Il film è il secondo capitolo della trilogia di cui fanno parte anche Licantropia Evolution (2000) e Licantropia (2004).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema