Levriero russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Levriero russo
Borzoi female.jpg
Classificazione FCI - n. 193
Gruppo 10 Levrieri
Sezione 1 Levrieri a pelo lungo o frangiato
Standard n. 193 del 25/10/2006 (en )
Nome originale Russkaya psovaya borzaya
Tipo Caccia, compagnia
Origine Russia
Altezza al garrese 70 – 82 cm
Peso ideale Non specificato
Lista di razze canine

Il levriero russo è una razza di cane appartenente al gruppo dei levrieri, il suo nome, Russkaja Psovaja Borzaja, significa "cane rapido a pelo lungo".[1]

Temperamento[modifica | modifica sorgente]

A dispetto della sua mole il levriero russo è una cane calmo e riflessivo, si scatena solo alla vista della selvaggina o quando gli si dà la possibilità di correre coi suoi simili. Non deve mostrare aggressività o dominanza verso le persone e generalmente non sono cani territoriali, sono quindi inadatti alla guardia come la maggioranza dei levrieri.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Per molti secoli la storia del levriero russo è stata legata alla storia degli Zar di Russia, non poteva essere acquistato ma solo donato dagli Zar. Il Granduca Nikolaj Nikolaevič ne fu un grande allevatore, ne possedeva centinaia, nel suo canile privato.[1]

Con la caduta degli Zar il numero dei levrieri russi in Russia calò drasticamente, ma i nobili in fuga dalla rivoluzione russa [2] riuscirono comunque a salvarli e ad esportarli nel resto d'Europa, garantendo così la sopravvivenza della razza.[1][3]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Uno dei brani del celeberrimo concerto acustico senza presenza di pubblico Pink Floyd a Pompei dei Pink Floyd (1972), Mademoiselle Nobs, è stato interpretato da un levriero russo di nome Nobs, di proprietà di un'artista di circo, una certa Madonna Bouglione. Nobs è anche un anagramma di Snob.[4][5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Borzoi, Agraria.org. URL consultato il 22 luglio 2011.
  2. ^ Tale razza è da distinguersi da quella cui fa riferimento il film Il secondo tragico Fantozzi quando si parla di "Ivan il Terribile XXXII, discendente diretto di Ivan il Terribile I appartenuto allo Zar Nicola leggendario campione di caccia al mugiko nella steppa e fucilato come nemico del popolo durante la rivoluzione d'ottobre sulla Piazza Rossa"
  3. ^ Storia del Barzoi, Barzoi.it. URL consultato il 22 luglio 2011.
  4. ^ (EN) Borzoi as Performers, Borzoiclubqld.com. URL consultato il 22 luglio 2011.
  5. ^ (EN) Mademoiselle Nobs: Pink Floyd Jams with a Dog, Lifewithdogs.tv. URL consultato il 22 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani