Lepus brachyurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepre giapponese[1]
Lepus brachyurus.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Lagomorpha
Famiglia Leporidae
Genere Lepus
Specie L. brachyurus
Nomenclatura binomiale
Lepus brachyurus
Temminck, 1845

La lepre giapponese (Lepus brachyurus Temminck, 1845) è un mammifero lagomorfo della famiglia dei Leporidi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Con quattro sottospecie (Lepus brachyurus angustidens, Lepus bracyurus brachyurus, Lepus brachyurus lyoni e Lepus brachyurus okiensis) la specie è diffusa in tutto il Giappone a sud dell'isola di Hokkaidō.

Il suo habitat è costituito dalle aree prative o con presenza di radi cespugli, preferibilmente in aree collinari o submontane: non teme l'uomo e la si trova anche in aree antropizzate.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura fino a 40 cm di lunghezza, per un peso che può raggiungere i 2 kg.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Nel complesso l'aspetto è tozzo e squadrato, con testa arrotondata ed orecchie corte ed arrotondate.

Il pelo presenta colorazione con tonalità che vanno dal grigiastro al bruno-nerastro a seconda dell'esemplare: la regione ventrale e la testa presentano colorazione più chiara rispetto al pelo del dorso, che è variamente brizzolato di nero. Le popolazioni delle zone più fredde tendono ad assumere colorazione bianca dopo la muta invernale, per meglio mimetizzarsi in ambienti ricoperti da un manto nevoso.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali solitari e notturni, che durante il giorno riposano nel folto della vegetazione e qualche volta anche in tane scavate da altri animali e poi abbandonate (si tratta dell'unica specie di lepre a mostrare tale comportamento). Si muove velocemente e con estrema circospezione, tendendo sempre i propri sviluppatissimi sensi in allerta per percepire anche il minimo segnale che indichi la presenza di un intruso o di un pericolo nelle vicinanze. In tal caso, l'animale si immobilizza, contando sul proprio manto mimetico per passare inosservato agli occhi dell'intruso: se costui tuttavia si avvicina troppo, la lepre giapponese rompe il proprio stato di immobilità e si dà a una fuga precipitosa ed a percorso zigzagante.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre principalmente di erbe, foglie e germogli: a volte si avventura fra le chiome degli alberi, proprio allo scopo di mangiarne i succulenti germogli, e causando in alcuni casi seri danni alle coltivazioni.
Come gli altri Leporidi, pratica abitualmente la coprofagia per ridigerire il cibo ed estrarne la maggiore quantità possibile di nutrienti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione riproduttiva va da febbraio a luglio: la femmina può tuttavia partorire durante tutto l'arco dell'anno, qualora le condizioni ambientali lo consentano, e portare allo svezzamento fino a cinque cucciolate in un anno. I cuccioli, da uno a quattro per cucciolata, nascono dopo una gestazione di un mese e mezzo circa e sono già ricoperti di pelo ed in grado di vedere alla nascita: essi possono dirsi indipendenti dalla madre già a partire dallo svezzamento (che si completa attorno al mese di vita), ma non possono riprodursi prima dei dieci mesi d'età, quando viene raggiunta la maturità sessuale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Lepus brachyurus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Lagomorph Specialist Group, Lepus brachyurus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi