L'isola di Pascali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'isola di Pascali
Titolo originale Pascali's Island
Paese di produzione Gran Bretagna, Italia
Anno 1988
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, spionaggio
Regia James Dearden
Soggetto Barry Unsworth
Sceneggiatura James Dearden
Fotografia Roger Deakins
Musiche Loek Dikker
Interpreti e personaggi

L'isola di Pascali (Pascali's Island) è un film del 1988 diretto da James Dearden, tratto dall'omonimo romanzo di Barry Unsworth, interpretato da Ben Kingsley e da Helen Mirren.

Fu presentato in concorso al 41º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Basil Pascali, devoto suddito dell'Impero Ottomano, nonché agente segreto locale, mantiene una vita calma e regolare, nell'osservare la gente e i soldati, scrivendo quotidianamente rapporti, mai letti da nessuno. L'arrivo di un archeologo inglese, Anthony Bowles, però, lo colpirà a tal punto da diventare suo personale interprete e di seguirlo nei suoi scavi. Ma non è solo il mestiere dell'inglese, da poco arrivato, ad affascinarlo, quanto la semplicità con cui egli ha sedotto la sua amica Lydia. Tra una serie di intrighi, di bugie, e di situazioni politiche, Pascali verrà implicato in un caso internazionale, che si placherà con la morte dei suoi due amici e con il tramonto dell'Impero Ottomano.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La marcetta che l'archeologo Anthony Bowles fischietta, mentre per caso trova la statua del film, è The British Grenadiers dell'esercito inglese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1988, festival-cannes.fr. URL consultato il 25 giugno 2011.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema