Kumiho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kumiho
Nome coreano
Hangul 구미호
Hanja 九尾狐
Latinizzazione riveduta gumiho
McCune-Reischauer gumiho

La kumiho (구미호 / "gu" - nove; pronunciato [kumiho] e tradotto letteralmente come volpe a nove code) è una creatura che appare nelle narrazioni orali e nelle leggende della Corea[1], ed è simile alle alle fate europee. Secondo tali storie, una volpe che vive per cento anni (per mille secondo altri racconti) diventa una kumiho, come le controparti giapponesi e cinesi.[2] Essa può liberamente trasformarsi, tra l'altro, anche in belle donne succubi, che seducono giovani ragazzi, per ucciderli e spesso per poi mangiare il loro fegato od il loro cuore (a seconda delle leggende). Ci sono numerose narrazioni in cui appare una kumiho, molte delle quali si possono trovare nell'enciclopedia Compendio della Letteratura Orale Coreana (한국 구비문학 대계).

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Una volpe a nove code, dall'edizione Qin dello Shan Hai Jing.

Traendo la propria origine dagli antichi miti cinesi, la kumiho coreana condivide molte caratteristiche con la cinese huli jing e la giapponese kitsune. I miti relativi alle tre creature concordano che gli spiriti volpe sono il risultato di una grande longevità o di un accumulo di energia: in particolare, le kumiho sarebbero volpi che hanno vissuto per mille anni e che hanno il potere di cambiare aspetto, presentandosi di solito sotto le spoglie di una donna. Tuttavia, mentre le huli jing e le kitsune sono rappresentate come buone o cattive a seconda dei casi, le kumiho sono quasi sempre trattate come figure negative che si cibano di carne umana. Non è chiaro in quale periodo i coreani abbiano iniziato a vedere le kumiho solo come delle creature maligne, poiché molti testi antichi menzionano kumiho benevole che assistono gli umani, e umani malvagi che spesso ingannano volpi gentili ma ingenue. Più tardi, la letteratura dipinge le kumiho come delle creature assetate di sangue, per metà umane e per metà volpi, che di notte vagano per i cimiteri, profanando le tombe per estrarre i cuori dai cadaveri. La favola La sorella volpe narra di uno spirito volpe che preda una famiglia per mangiarne i fegati[3].

La maggior parte delle leggende raccontano che, anche se la kumiho è in grado di cambiare aspetto, mantiene sempre qualche caratteristica volpina (per esempio, i tratti del viso, oppure le orecchie o le nove code). In La trasformazione della kumiho (구미호의 변신), una kumiho si trasforma in modo da essere identica alla sposa di un matrimonio e viene scoperta solo quando le vengono tolti i vestiti. Bakh Mun-su e la kumiho (박문수와 구미호) narra di un incontro tra Bakh Mun-su e una ragazza dall'aspetto volpino che vive da sola nel bosco. In La fanciulla che scoprì una kumiho attraverso un poema cinese (한시로 구미호를 알아낸 처녀), la kumiho viene scoperta quando un cane da caccia ne avverte l'odore della volpe e attacca. Nonostante l'abilità di cambiare forma, la vera identità di una kumiho è gelosamente custodita dalla creatura stessa.

Una kumiho.

Come i licantropi o i vampiri della tradizione occidentale, il mito varia in base alle libertà che ogni storia si prende dalla leggenda. Alcuni racconti dicono che, se la kumiho evita di uccidere e mangiare gli umani per mille giorni, può diventare umana. Altri, come il drama Gumiho: Yeowoonuidyun, narrano che è necessario che l'umano che abbia scoperto la vera identità della kumiho la tenga segreta per dieci anni. In un altro drama, Chunbunjjae namja, la volpe può diventare un essere umano se riesce a mangiare mille fegati in mille anni, pena la trasformazione in bolle; in Gugaui seo, deve evitare di uccidere, mostrare la sua vera identità e aiutare le persone per cento giorni, dopodiché diventerà umana: in caso contrario, si trasformerà in un demone millenario. Una versione della mitologia stabilisce che, se dotata di abbastanza forza di volontà, una kumiho può trascendere il suo stato mostruoso e diventare permanentemente umana, perdendo le sue connotazioni malvagie. Le spiegazioni su come riuscirci variano, ma includono azioni come evitare di uccidere o mangiare carne per mille giorni, o ottenere un chintamani e fare in modo che la loro Yeouiju (여의주, "sfera della volpe") veda la Luna piena ogni mese durante la prova. Per possedendo la Yeouiju come i draghi coreani, le kumiho non sono onnipotenti o in grado di creare, poiché ritenute creature inferiori rispetto a loro.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Sono numerose le opere che si concentrano sulla kumiho.

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mitologia Coreana, unsolvedmysteries.com.
  2. ^ (EN) Heinz Insu Fenkl, Storia di una Donna Volpe della Corea.
  3. ^ (EN) Heinz Insu Fenkl, Fox Wives and Other Dangerous Women.
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia