Kosen rufu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kosen Rufu è un'espressione che si ritrova nella più diffusa traduzione cinese del Sutra del Loto[1], compiuta da Kumarajiva e a suoi collaboratori intorno al 406 d.C.Derivata dalla pronuncia giapponese del testo cinese, l'espressione risulta composta dal carattere ko (広) che significa letteralmente "ampio", "vasto", sen (宣), che significa "dichiarare", e rufu (流布) "propagare".

Nel buddhismo di Nichiren, secondo l'interpretazione che ne dà l'associazione buddista laica nota come Soka Gakkai[2], questa espressione indica la proclamazione e la diffusione della Legge di Nam Myoho Renge Kyo, ovvero la pace nel mondo attraverso la diffusione dell'insegnamento corretto del Buddha, così come tramandato dal monaco giapponese Nichiren Daishonin, al cui insegnamento l'associazione riconduce la propria pratica. Con «Kosen-Rufu» non si intende la pace semplicemente come "assenza di guerre": il concetto è ben più ampio. Recitando il titolo del Sutra del Loto, Nam Myoho Renge Kyo, ogni persona eleva il suo stato vitale, illuminando la sua vita. Quando lo stato vitale è alto e la propria vita è illuminata, si sta bene con se stessi e con gli altri, quindi cade ogni motivo di attaccare il prossimo e, al contrario, si sviluppa compassione e solidarietà. Diffondendo questo principio, diffondendo un benessere interiore e una felicità indipendente dall'ambiente esterno si pongono le basi anche per la pace nel mondo che è dunque una conseguenza della realizzazione di kosen-rufu[3]. Riguardo al vero significato del termine vi è però disaccordo[4] tra la Soka Gakkai e la scuola buddista creata da Nichiren, e da cui la Soka Gakkai si è separata nel 1991.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sutra del Loto, s.n., s.d.. URL consultato il 9 settembre 2014.
  2. ^ Soka Gakkai, s.n., s.d.. URL consultato il 9 settembre 2014.
  3. ^ s.n., Wiki Buddhismo. Il glossario con alcuni dei termini più frequenti., s.n., s.d.. URL consultato il 9 settembre 2014.
  4. ^ All about Nichiren Shoshu, s.n., s.d.. URL consultato il 9 settembre 2014.