Kanelbulle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kanelbulle
Kanelbulle.jpg
Origini
Altri nomi Cinnamon roll
Luogo d'origine Svezia Svezia
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali
  • farina
  • zucchero
  • latte
  • burro
  • cannella
[1]
 
Due Kanelbullar

Il Kanelbulle (al plurale Kanelbullar[2], anche chiamato Cinnamon rolls, pane di cannella o spirale di cannella) è un pane dolce di origine svedese diffusosi negli anni venti del XX secolo[3].

Sebbene l'arrotolato di cannella fosse conosciuto dalla seconda metà del secolo XIX, veniva cotto soltanto in case con risorse finanziarie sufficienti, per il costo dei suoi ingredienti. Finita la prima guerra mondiale, vista la carenza di farina e zucchero, apparvero nelle pasticcerie nuovi tipi di pane dolce. Questo pane consiste in una pasta arrotolata con cannella e glassata con lo zucchero (con aggiunta di uva passa in alcuni casi), alla quale applicato un sottile strato di burro. La pasta viene tagliata in porzioni individuali e messa al forno.

Attualmente, è una specialità pasticcera tipica degli Stati Uniti e del nord d'Europa[4]. In Svezia lo si conosce con il nome di "kanelbulle", è molto popolare e solitamente si consuma assieme al caffè durante la "Fika", la tradizionale pausa caffè con il dolce.

Esistono molte varianti di questo dolce: in Germania c'è il Franzbrötchen, in Finlandia il Korvapuusti, in Norvegia lo Skillingsbolle. L'arrotolato di cannella tuttavia non deve essere confuso con il Wienerbrød, è dalla Danimarca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elisabetta Tiveron, Pippi Calzelunghe, piccola grande cuoca. Comfort food in salsa svedese, Il leone verde edizioni, 2009, p. 83, ISBN 889517750-9.
  2. ^ (EN) Jeanne Jacob-Ashkenazi, Michael Ashkenazi Ph.D., Professor Michael Ashkenazi, PH.D., The World Cookbook: The Greatest Recipes from Around the Globe, ABC-CLIO, 2014, p. 1299, ISBN 161069469-4.
  3. ^ Cinnamon rolls (Kanelbulle) su ricette.com. URL consultato il 22/1/2015.
  4. ^ Ricetta Cinnamon rolls su Le Ricette di GialloZafferano.it. URL consultato il 22/1/2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]