Justus Vingboons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Trippenhuis, casa dei fratelli Trip in Kloveniersburgwal, 29 (1660-1662)

Justus Vingboons o Vinckboons o Vinckeboons o Vinckbooms (Amsterdam, 1620 circa – Amsterdam, 1698) è stato un architetto olandese del Secolo d'oro olandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del pittore David Vinckboons, originario dell'Olanda meridionale, aveva cinque fratelli e quattro sorelle, tra cui Johannes Vingboons, cartografo ed incisore e Philips Vingboons, famoso architetto.

Come il fratello, costruì edifici nello stile classico olandese.

Lavorò ad Amsterdam, ma anche in Svezia a Stoccolma, dove fu ingaggiato, dopo la morte di Simon de la Vallée, per completare la Riddarhuset (Casa dei Cavalieri) che fino al 1866 era una Camera del Riksdag degli Stati, composto da quattro diete. Questo edificio fu costruito in mattoni rossi con alte paraste. Dopo il 1656 il suo lavoro fu ripreso da Jean de la Vallée, figlio di Simon, cha lasciò traccia del proprio stile nella forma del tetto e nelle finiture degli interni[1][2].

Il suo lavoro più importante fu il Trippenhuis in Kloveniersburgwal 29, una casa doppia per i due fratelli Trip, che rappresenta una delle migliori e più pure espressioni del Classicismo olandese. La facciata in pietra arenaria è ricca di decorazioni e presenta otto colossali paraste corinzie.

Edifici[modifica | modifica wikitesto]

Riddarhuset (Casa dei Cavalieri), Stoccolma
  • Riddarhuset, Stoccolma (1653-1656)
  • Kloveniersburgwal 29, Trippenhuis (Casa dei fratelli Trip) (1660-1662)
  • Herengracht 257 (1661)
  • Herengracht 390-392 (1665).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Willem Frijhoff,Marijke Spies, Dutch Culture in a European Perspective: 1650, hard-won unity, 2004 , pag.490 url= http://books.google.com/books/?as_q=Justus+Vingboons&as_auth=Willem+Frijhoff
  2. ^ Steen Eiler Rasmussen, Towns and buildings described in drawings and words, 1969, pag.94-95 url= http://books.google.com/books/?as_q=Justus+Vingboons&as_auth=Steen+Eiler+Rasmussen

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Steen Eiler Rasmussen, Towns and buildings described in drawings and words, 1969
  • Willem Frijhoff, Marijke Spies, Dutch Culture in a European Perspective: 1650, hard-won unity, 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 18020860