Julius Tafel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Julius Tafel (Choindez, 2 giugno 1862Monaco di Baviera, 2 settembre 1918) è stato un chimico svizzero.

Riceve il suo dottorato di ricerca nel 1884 a Erlangen, dove insegnava Emil Fischer, del quale diventa assistente privato nel 1885 a Würzburg.[1] Detenne la cattedra come direttore dell'istituto di Würzburg dal 1903 al 1910.[1]

Nel 1898 Julius Tafel riesce a svolgere la riduzione elettrochimica della stricnina attraverso l'impiego di catodi in piombo.[1] Nel 1901 riesce a ridurre per via elettrochimica anche l'acido urico.[1]

Nel 1905 elabora la legge di Tafel, che lega la velocità di una reazione elettrochimica con la sovratensione.[2]

Nel 1906 pubblica Zeitschrift fur Elektrochemie, con il quale apporta importanti risultati riguardanti elettrocatalisi, preparazione superficiale degli elettrodi, avvelenamento dei catalizzatori, pre-elettrolisi e cinetica elettrochimica.[1]

Nel 1907 svolge la preparazione di idrocarburi per riduzione di esteri acetoacetici.[1]

Il 2 settembre 1918 muore suicida (all'età di 56 anni), dopo un periodo di crescente insonnia ed esaurimento nervoso.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Julius Tafel - His life and science
  2. ^ Bockris Vol. 1, op. cit., p. 15

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 30318237 LCCN: no2010060305