Inside the Actors Studio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Inside the Actors Studio è uno show del canale televisivo americano via cavo Bravo TV channel, condotto da James Lipton. Prodotto e diretto da Jeff Wurtz; il produttore esecutivo è James Lipton. Il programma, che inizia nel 1994, è distribuito a livello internazionale dalla CABLEready e distribuito in 125 nazioni in tutto il mondo raggiungendo 89 milioni di case. Attualmente è trasmesso dalla "Michael Schimmel Center for the Arts" alla Pace University presso New York City. [1][2][3]

Il Programma[modifica | modifica sorgente]

Il programma nasce come seminario televisivo per gli studenti della Actors Studio Drama School, originariamente una collaborazione fra l'Actors Studio e la New School University nel 1994, con Paul Newman, un ex presidente dell'Actors Studio come primo ospite, e presto divenne il programma più seguito della Bravo.[1] La prima registrazione fu presso l'auditorium della Tishman in Greenwich Village, New York City,poi a qualche isolato di distanza dall'Actors Studio nel teatro del distretto di Manhattan, spostandosi poi presso la sede odierna ovvero il Michael Schimmel Center for the Arts presso il campo della Pace University a New York.

Lo show durante le interviste usa deliberatamente un ritmo lento rispetto alle tipiche interviste alle celebrità, così le telecamere registrano alla fine un paio di ore di conversazione, editato successivamente e ridotte ad una, un trucco usato già da Groucho Marx nel suo quiz show del 1950 You Bet Your Life . Il risultato, come scrisse un articolo del News York Times, "Nella dell'ospite di Mr. Lipton, gli attori cessano di essere delle stesse e diventano artisti ed insegnanti" Anche se a volte alcune intervisti finivano per essere troppo lunghe; La visita di Steven Spielberg nel 1999, per esempio, durò per quattro ore, e fu successivamente mandata in onda in due episodi ognuno di un'ora circa. Le interviste sono guidate dalle domande di Lipton divenute un suo marchio di fabbrica. Domande legate ai dettagli della vita degli ospiti grazie alle ricerche di Lipton. Spesso sorprendenti. In una occasione Billy Crystal disse a Lipton, "Tu sai di essere spaventoso?"[1][2]

Ospiti[modifica | modifica sorgente]

La lista degli ospti in ordine alfabetico.

A[modifica | modifica sorgente]

B[modifica | modifica sorgente]

C[modifica | modifica sorgente]

D[modifica | modifica sorgente]

E[modifica | modifica sorgente]

F[modifica | modifica sorgente]

G[modifica | modifica sorgente]

H[modifica | modifica sorgente]

I[modifica | modifica sorgente]

J[modifica | modifica sorgente]

K[modifica | modifica sorgente]

L[modifica | modifica sorgente]

M[modifica | modifica sorgente]

N[modifica | modifica sorgente]

O[modifica | modifica sorgente]

P[modifica | modifica sorgente]

Q[modifica | modifica sorgente]

R[modifica | modifica sorgente]

S[modifica | modifica sorgente]

T[modifica | modifica sorgente]

V[modifica | modifica sorgente]

W[modifica | modifica sorgente]

Note sul cast
  1. ^ Bradley Cooper è il primo ospite ad essere stato uno studente proprio dell' Actors Studio.
  2. ^ Kiefer Sutherland fu il primo ospite parente di un altro attore che era stato anche lui invitato molto prima all'Actor Studio (il padre Donald Sutherland).

Ospiti insieme[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c WARREN BERGER, All the School's a Stage; Stars Talk Shop and the Film Community Listens, The New York Times, 14 marzo 1999.
  2. ^ a b JAMES BARRON, The Studio, A Place Of Legends, The New York Times, 22 settembre 1996.
  3. ^ Sharon Marie Carnicke, Stanislavsky in focus: an acting master for the twenty-first century, Taylor & Francis (Routledge), 2008, p. 52, ISBN 0-415-77496-9.
  4. ^ Dave Itzkoff, James Lipton, Lover of “Family Guy” in The New York Times, 28 aprile 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]