You Bet Your Life

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
You Bet Your Life
Logo del programma You Bet Your Life
Anno 1950-1961
Genere telequiz
Ideatore John Guedel
Presentatore George Fenneman
Groucho Marx
Rete NBC

You Bet Your Life fu uno show a quiz radiofonico, e poi televisivo, trasmesso negli Stati Uniti e presentato dall'attore comico Groucho Marx.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Ideato dal produttore radiofonico John Guedel, You Bet Your Life (Ci puoi scommettere la vita), venne formulato prevedendo un numero limitato di domande, privilegiando invece l'introduzione e le interviste del presentatore ai concorrenti, e puntando sulla capacità di improvvisazione di Groucho Marx piuttosto che su un copione prestabilito.

Acquistato dallo sponsor Elgin-American Watch Case Company a un prezzo inferiore rispetto all’offerta iniziale, la prima puntata dello show andò in onda il 27 ottobre 1947, riscuotendo un enorme successo negli Stati Uniti sia presso i fan dei giochi a quiz sia presso il pubblico amante della commedia sofisticata.

L'umorismo sarcastico di Groucho Marx contribuì alla popolarità dello show, i cui spettatori apprezzarono la formula del quiz preceduto da una introduzione in cui Groucho si divertiva a punzecchiare amabilmente i concorrenti (così, quando in trasmissione si presentò una balia molto avvenente, Groucho commentò che a lui non era mai toccata in sorte una balia del genere, e che la sua faceva venire voglia di chiedere l’anestesia)[1].

Il percorso televisivo[modifica | modifica sorgente]

Il 5 ottobre 1950 lo show apparve per la prima volta in televisione, sulla rete NBC, senza aver subito cambiamenti rispetto alle precedenti messe in onda radiofoniche. La produzione riconfermò lo stesso annunciatore, George Fennemann, e Groucho mantenne la propria postazione su uno sgabello davanti a una scrivania, con i quiz e le domande per le interviste scritti in un notes di fronte a lui.

Non essendo necessarie scenografie particolarmente sofisticate, You Bet Your Life poté anche essere filmato e quindi trasmesso sia in radio che in televisione, consolidando il proprio successo e consentendo a Groucho Marx di vincere un Emmy Award quale miglior personaggio televisivo del 1950.

La battuta "Dì la parola d'ordine e vinci cento dollari!" e le domande che Groucho rivolgeva a tutti gli sconfitti nel quiz perché potessero comunque tornare a casa con un minimo premio ("Chi è sepolto nella tomba di Grant?", "Di che colore è la Casa Bianca?" e "Che sport si pratica con una palla da tennis?"[2]) divennero frasi popolarissime presso il pubblico americano negli anni cinquanta.

Dopo l'abbandono da parte della Elgin per l'aumento dei costi, subentrò quale sponsor la De Soto-Playmouth Dealers of America, che promosse il programma fino alla sua ultima puntata, andata in onda il 21 settembre 1961.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Richard Wolf, I fratelli Marx, Milano Libri Edizioni, 1978
  2. ^ Richard Wolf, I fratelli Marx, Milano Libri Edizioni, 1978
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione