Icemark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Icemark
Titolo originale The Cry of the Icemark
Autore Stuart Hill
1ª ed. originale 2005
1ª ed. italiana 2005
Genere romanzo
Sottogenere fantasy, per ragazzi
Lingua originale inglese
Ambientazione Lande Ghiacciate del Nord
Protagonisti Thirrin Freer Fortebraccio Scudotiglio Gatta Selvatica Del Nord
Coprotagonisti Oskan Figlio Di Strega
Seguito da Lama di fuoco

Icemark (The Cry of the Icemark) è un romanzo fantasy per ragazzi del 2005 scritto da Stuart Hill. È stato pubblicato per la prima volta in italiano nello stesso anno.

Narra della principessa Thirrin, che, morto suo padre, si troverà a dover portare il fardello di governare il suo Stato, per l'appunto, Icemark. In più dovrà fermare l'invasione di Scipio Bellorum, un generale furbissimo al servizio dell'Impero che vuole conquistare Icemark. Il seguito del romanzo è intitolato Lama di fuoco.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Le scene narrate si svolgono in un ambiente immaginario, che presenta però affinità con il nostro: ricorda il mondo latino. Icemark è un piccolo paese delimitato a Nord dalla Terra dei Fantasmi, ad Est e ad Ovest dal mare e a sud dal potente e temibile Impero Polypontus (dove si notano chiari riferimenti all'Impero Romano). A causa della locazione nordica, gli inverni di Icemark sono molto freddi e rigidi. Essi offrono un'ottima difesa, ma un anno, in occasione della festa dello Yule( nostro capodanno)che coincide con il compleanno della principessa Thirrin (erede al trono del Paese), tardano ad arrivare; quando le legioni del Polypontus muovono guerra contro Icemark, il re Redrought, padre di Thirrin, è costretto a partire per la guerra, lasciando Thirrin alla guida del Paese, con il valido aiuto di un ragazzo, Oskan figlio di strega. L'inverno sopraggiunge e quando il padre di Thirrin muore, la nuova regina ha il tempo di riorganizzarsi e di formare una nuova resistenza stringendo alleanze con i popoli più impensati quali uomini-lupo(con i quali Icemark aveva avuto una guerra guidata dallo stesso Redrought), vampiri e leopardi delle nevi. L'esito della guerra verrà deciso nella stagione seguente in un ultimo, emozionante scontro, ai piedi della capitale Frostmarris.

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

Thirrin Freer Fortebraccio Scudotiglio, Gatta Selvatica Del Nord
impavida e coraggiosa monarca di Icemark, con l'unico difetto di essere un po' timida e scontrosa.
Oskan figlio di Strega
consigliere più fidato e miglior amico di Thirrin, personaggio importantissimo all'interno della storia. più avanti diventerà Oskan lo stregone.
Redrought
re di Icemark, saggio e potente, protagonista di un avvincente scontro fra il suo esercito ed uno dei tanti del Polypontus, prima della sopraggiunta dell'inverno.
Maggiore Totus
precettore di Thirrin e secondo consigliere reale. Amico fidato e giusto.
Tharaman Thar
re dei Leopardi delle Nevi, anch'egli saggio e premuroso nei confronti di Thirrin. Valido alleato.
Grishmak Bevisangue
re del Popolo Lupo, capo fedele nel bisogno, alla guida di una stirpe leale, nobile e valorosa.
Scipio Bellorum
generale supremo del Polypontus, comandante astutissimo e terribile: non ha mai perso una battaglia e tantomeno una guerra: non intende perderla ora.
Le Loro Maestà Vampire
ovvero il re Vampiro e la regina Vampiro, i sovrani della Terra dei Fantasmi, vampiri che da più di 1000 anni governano sui non-morti, offriranno (specialmente in Lama di Fuoco) il loro aiuto per sconfiggere Bellorum

Incipit[modifica | modifica sorgente]

« Thirrin Freer Fortebraccio Scudotiglio portava i suoi nomi con naturalezza. Aveva tredici anni, era alta per la sua età e andava a cavallo come uno dei soldati migliori di suo padre. Era anche l'erede al trono di Icemark. Il suo precettore avrebbe potuto aggiungere che era attenta quando voleva, intelligente quando si dava la pena di impegnarsi, e aveva il brutto carattere di suo padre. Pochi la paragonavano alla madre, morta nel giorno della sua nascita. Ma coloro che ricordavano la giovane donna orgogliosa del popolo ippolito dicevano che Thirrin le assomigliava come una goccia d'acqua... »

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Stuart Hill, Icemark, collana Narrativa, Fabbri, 2005, pp. 532.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Edizioni di Icemark in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.