Ibn al-Qalanisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Hamza ibn Asad Abu Ya'la ibn al-Qalanisi (in arabo: ابن القَلانسي; Damasco, 1070 circa – Damasco, 18 marzo 1160) fu un politico e cronachista arabo della Damasco del XII secolo.

Ibn al-Qalānisī[1] discendeva dalla tribù dei Banu Tamim ed apparteneva alla nobiltà colta di Damasco.
Studiò letteratura, teologia e legge. Fu dapprima segretario e in seguito capo della cancelleria di Damasco (il Dīwān al-Rasāʾil), servì due volte come raʾīs della città, una carica equivalente a sindaco.

La sua cronaca, il Dhayl (lett. Appendice) o Mudhayyal Taʾrīkh Dimashq (Continuazione della storia di Damasco) è una estensione della cronaca di Hilal ibn al-Muhassin al-Sabi' e copre gli anni dal 1056 alla morte di Ibn al-Qalānisī nel 1160.

È uno dei pochi racconti contemporanei della Prima crociata e delle sue immediate conseguenze dal punto di vista musulmano, il che ne fa una preziosa fonte non solo per gli storici moderni ma anche per le successive cronache del XII secolo, inclusa quella di Ibn al-Athīr, Ibn al-Jawzī e Abū Shāma.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il qalānis era una sorta di cappuccio. Il soprannome quindi significava all'incirca "figlio di (quello) del berretto, del cappuccio".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • H. F. Amedroz, History of Damascus 363-555 a.h. by Ibn al-Qalānisī from the Bodleian M.S. Hunt. 125, being a continuation of the history of Hilāl as-Sābi, Leida, E. J. Brill, 1908.

Controllo di autorità VIAF: 30380146 LCCN: n80037743

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie