Ibn Shihab al-Zuhri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Muhammad ibn Muslim ibn ʿUbayd Allāh ibn Shihāb al-Zuhrī ( محمد بن مسلم بن عبد الله بن شهاب الزُهري ) (Medina, 671[1]742[2]) è stato un giurista e storico arabo, creatore della cosiddetta "scuola storica di Medina".

Era un mawla di grande cultura, giudicato uno degli uomini più colti e sapienti del suo tempo.

Queste sue doti gli fecero guadagnare la stima di califfi come l'omayyade Hishām b. ʿAbd al-Malik (m. 742) il quale lo nominò precettore dei figli. Svolse anche il ruolo di "consulente" dei califfi per questioni storiche e giuridiche. Svolse il ruolo di giudice (qāḍī) e si dedicò all'insegnamento. I suoi discepoli - autorizzati dal maestro con apposita ijāza - diffusero poi l'insegnamento ricevuto in altre aree del mondo arabo, quali l'Higiaz, lo Yemen, l'Egitto, la Siria e l'Iraq.

Ci è nota una sua opera di maghazi, dal momento che personaggi come Ibn Ishaq, al-Waqidi, al-Baladhuri e Tabari ne hanno riportato varie pagine nelle loro opere.

Al-Zuhrī curò inoltre una raccolta di hadīth, facendolo però in chiave tradizionalista: escluse gli Ansar tramandati da mawla, dal momento che li considerava faziosi. Fu peraltro accusato a sua volta da esperti di hadīth di poca attendibilità ma la sua competenza in materia storica gli fu sempre riconosciuta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr. in Bibliografia A. A. Duri, p. 96.
  2. ^ Ibidem, p. 95.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. A. Duri, The Rise of Historical Writing among the Arabs, Princeton, Princeton University Press, 1983