I Blame Coco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Blame Coco
Fotografia di I Blame Coco
Paese d'origine Regno Unito Regno Unito
Genere New wave
Indie rock
Elettropop
Periodo di attività 2005 – in attività
Etichetta Island Records
Album pubblicati 1
Studio 1
Sito web

I Blame Coco è un gruppo musicale britannico la cui leader è Eliot Paulina "Coco" Sumner, figlia del noto cantante Sting.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Eliot Paulina Sumner è nata a Pisa il 30 luglio 1990; suo padre è il cantante Sting (al secolo Gordon Mathew Sumner, fondatore e storico leader dei Police) e sua madre l’attrice Trudie Styler[1]. Formatasi al rock fin dall’infanzia (in un’intervista a Repubblica Coco Sumner fa risalire tale inclinazione a quando sua madre le regalò Are You Experienced di Jimi Hendrix all’età di 7 anni[1]), scoprì a nove anni i Sex Pistols e il punk[1] e intorno ai 14 anni iniziò a comporre canzoni[1][2].

Lasciata la scuola per dedicarsi alla musica, a 17 anni firmò un contratto con la Island Records[2]; successivamente formò un suo gruppo, I Blame Coco, il cui singolo di debutto, Caesar, uscì a febbraio 2010[3]; più tardi, in luglio, uscì Self Machine, in classifica complessivamente per 34 settimane in tutta Europa: entrata a luglio nelle chart del Regno Unito direttamente al 64º posto, l'ultima presenza è a marzo 2011 in Germania[4], Paese nel quale ha raggiunto il suo miglior risultato, il 56º posto[4].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Beppe Videtti, Io, figlia di Sting, ho il mio sogno rock in la Repubblica, 4 febbraio 2011. URL consultato il 4-2-2011.
  2. ^ a b Neil McCormick, Coco Sumner: "Forget my dad! Hear my band" in Daily Telegraph, 1º febbraio 2010. URL consultato il 5-6-2011.
  3. ^ (EN) Ben Machell, Coco Sumner on Sting, shyness and singing in The Times, 30 gennaio 2010. URL consultato il 5-6-2011.
  4. ^ a b (EN) I Blame Coco - Selfmachine. URL consultato il 6-5-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica