Gyromitrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gyromitrina
formula di struttura
Nome IUPAC
N-metil-N-formil-idrazone acetaldeide
Nomi alternativi
Acetaldeide metilformilidrazone
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C4H8N2O
Massa molecolare (u) 100.11
Aspetto cristallino incolore
Numero CAS [16568-02-8]
PubChem 9548611
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione 19.5 °C (292.65 K)
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 30-50
Indicazioni di sicurezza

La Gyromitrina è un miscuglio di svariati tipi di Idrazine, di cui la più rappresentativa è la N-metil-N-formil-idrazone acetaldeide.

Tale molecola, giunta nello stomaco, viene idrolizzata in N-formil-N-metil idrazina e dà luogo alla N-metil idrazina (MMH), ossia la molecola responsabile della cosiddetta sindrome da Gyromitra.

La MMH è uno dei più potenti veleni epatotossici conosciuti ed è anche una molecola cancerogena, come dimostrato da test in vitro.

La dose letale per l’ uomo è di 30-50 mg per chilogrammo di peso corporeo.

Sindrome Gyromitriana[modifica | modifica sorgente]

La Gyromitrina è una tossina con proprietà emolitiche, in quanto negli esseri umani o in altri mammiferi distrugge i globuli rossi. La stessa colpisce il sistema nervoso centrale e provoca danni di natura epatica oppure all'apparato digerente.
Può anche interferire sulle transaminasi, in particolare quelle che possiedono un cofattore piridossalfosfato.
Come per gli avvelenamenti da ciclo-peptidi (es. Amanitina), v'è un tempo di latenza relativamente lungo fra l'ingestione del fungo ed i primi sintomi (fino a 12 ore).

I sintomi della sindrome da Gyromitra includono nausea, diarrea, vomito, crampi, stanchezza e mal di testa; quando le condizioni sono gravi: ittero, convulsioni, coma, a volte sopraggiunge anche la morte.

Note[modifica | modifica sorgente]

La Gyromitrina è contenuta in diverse specie fungine, in particolar modo nelle specie del genere Gyromitra ma, secondo recenti studi, anche in alcune specie dei generi Helvella e Verpa, anche se in quantitativi nettamente minori.

È stata dimostrata la sua velenosità da accumulo anche con carpofori di specie di Gyromitra ben cotti, dato che questo miscuglio di Idrazine non svanisce mai completamente dal fungo.

  • Si precisa che finora non è mai stata osservata la "Sindrome da Gyromitra" derivante dal consumo di specie non appartenenti al genere Gyromitra, tranne che una forma ben più leggera di detta sindrome derivante da consumi eccessivi di Verpa bohemica.

Specie in cui è presente la Gyromitrina[modifica | modifica sorgente]

Nuvola apps important.svg = quantitativo elevato

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia