Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gubba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gubba
città
القبة
Gubba – Veduta
Localizzazione
Stato Libia Libia
Regione Cirenaica
Municipalità Derna
Territorio
Coordinate 32°46′00.12″N 22°15′00″E / 32.7667°N 22.25°E32.7667; 22.25 (Gubba)Coordinate: 32°46′00.12″N 22°15′00″E / 32.7667°N 22.25°E32.7667; 22.25 (Gubba)
Altitudine 532 m s.l.m.
Abitanti 60 610 (2007)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Libia
Gubba

Gubba (in in arabo: القبة, al-Qubbah) è una città della Libia settentrionale, nella regione della Cirenaica, nella Municipalità di Derna, la più popolata tra Derna e Beida[1].

La città si trova nella zona montuosa del Gebel al-Akhdar, a 500 metri di altitudine e circa 12 km dalla costa del Mediterraneo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gubba sorge oggi dove, nel 1933, durante la colonizzazione italiana della Libia, venne costruito dal governo italiano, tramite l'Ente Colonizzazione della Libia (ECL), il Villaggio agricolo Berta, dedicato all'attivista fascista Giovanni Berta, ucciso in Italia nel 1921.

Il comprensorio del villaggio si estendeva per circa 20.000 ha, e vi venivano coltivati cereali, leguminose, viti, olivi, mandorli.

Dal 1983 al 1987 e dal 2001 al 2007 Gubba è stata capoluogo dell'omonima municipalità.

Il 20 febbraio 2015 in città si è verificata l'esplosione di tre autobombe, che hanno causato 47 morti e 80 feriti[2], guidate da kamikaze libici e sauditi; l'azione è stata rivendicata dallo Stato Islamico come vendetta per i bombardamenti egiziani su Derna[3].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amraja M. el Khajkhaj, Noumou al Mudon as Sagheera fi Libia, Bengasi, Dar as Saqia, 2008, p. 119.
  2. ^ Caos in Libia, tre autobomba a Al Qubah su ANSA.it Video, ANSA Società Cooperativa, 20 febbraio 2015. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  3. ^ Redazione ANSA, Libia: Isis rivendica autobombe Al Qubah su ANSA.it Mondo, ANSA Società Cooperativa, 20 febbraio 2015. URL consultato il 20 febbraio 2015.