Gastone Razzaguta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gastone Razzaguta (Livorno, 1890Livorno, 1950) è stato uno scrittore, pittore e critico d'arte italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Per quasi trent'anni fu segretario del Gruppo Labronico e dipendente come Capo gestione delle Ferrovie dello Stato. A Livorno abitava con due anziane parenti in via Pietro Paoli e durante la seconda guerra mondiale decise di non sfollare e di rimanere in casa, accanto alle due donne invalide, anche quando la città fu colpita dai massicci bombardamenti aerei anglo americani.

Fu amico di molti pittori labronici tra cui Amedeo Modigliani, Renato Natali, Giovanni Zannacchini, Sergio Romiti, Cafiero Filippelli e molti altri. Oltre a scrivere molti testi critici per giornali locali e cataloghi di mostre ha lasciato ai posteri tre bellissimi volumi dedicati alla sua città natale: Virtu degli artisti labronici, Livorno nostra e Cacciucchesca.

Alcune mostre[modifica | modifica sorgente]

  • 2010, "Gastone Razzaguta 1890 - 1950" , Collesalvetti (LI), Pinacoteca "Carlo Servolini", a cura di Francesca Cagianelli

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Il mondo di Gastone Razzaguta in trenta opere, Artimes.it, maggio 2010.
  • Alice Barontini, Livorno 900: La grafica dei Maestri, da Cappiello a Natali, Benvenuti & Cavaciocchi editore 2010.