Gaio Giulio Erucio Claro Vibiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaio Giulio Erucio Claro Vibiano (in latino: Gaius Iulius Erucius Clarus Vibianus; ... – 197) è stato un senatore romano.

Vibiano era originario dell'Italia, o comunque delle province occidentali, ed era figlio di Gaio Erucio Claro, console del 170.

Nel 193 fu elevato al consolato, come consul posterior di Quinto Pompeio Sosio Falcone. Venne giustiziato nel 197, dopo la sconfitta di Clodio Albino e la sua esecuzione da parte di Settimio Severo, in quanto era stato sostenitore di Albino.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Fonti secondarie[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Imperatore Cesare Lucio Elio Aurelio Commodo Antonino Augusto VII,
Publio Elvio Pertinace II
Console romano
193
con Quinto Pompeio Sosio Falcone
Successore
Imperatore Cesare Lucio Settimio Severo Pertinace Augusto II,
Decimo Clodio Settimio Albino Cesare II