Fuel dumping

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugello per il rilascio del combustibile di un Airbus A340

Il fuel dumping è una manovra d'emergenza con la quale un aereo, in caso di necessità, può scaricare nell'atmosfera il combustibile in eccesso prima di effettuare un atterraggio. La manovra non viene effettuata in condizioni ordinarie e viene utilizzata esclusivamente in situazioni di reale pericolo.

In genere il fuel dumping viene effettuato immediatamente dopo il decollo nel caso l'aeroplano dovesse riatterrare qualora si fosse verificato un guasto che non permettesse di proseguire la manovra di decollo. A pieno carico, infatti, in caso di un atterraggio da effettuare immediatamente dopo il decollo, quando i serbatoi del cherosene sono ancora pressoché pieni e il peso eccessivo dell'apparecchio potrebbe causare un cedimento strutturale dei carrelli, si effettua la manovra del fuel dumping.

In genere gli aeroplani attrezzati per il fuel dumping sono di grandi dimensioni, mentre quelli di piccole e medie dimensioni, nei quali il peso massimo al decollo non differisce eccessivamente dal peso massimo all'atterraggio, non vengono dotati di un sistema di questo tipo. A partire dagli anni sessanta tutti gli aeroplani il cui peso massimo al decollo differisce per più del 5% da quello all'atterraggio devono essere dotati, secondo la vigente normativa rilasciata dal FAA, di un sistema per il rilascio del combustibile in volo.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]