Frederik Paludan-Müller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frederik Paludan-Müller

Frederik Paludan-Müller (Kerteminde, 7 febbraio 1809Copenaghen, 27 dicembre 1876) è stato un poeta danese.

Attivo partecipatore del circolo di Heiberg insieme ad Andersen e Kierkegaard, risentì molto degli influssi di lord Byron nei suoi primi lavori quali La danzatrice del 1832 e Amore e Psiche, del 1834.

Il suo capolavoro, Adam Homo, in tre volumi composti fra il 1841 e il 1848 di oltre 20.000 versi, è ricco di spunti autobiografici e racconta la storia di un uomo che conquista il mondo e perde se stesso, simbolo vivace dello sgretolamento degli ideali romantici, specchio della società del suo tempo, maturato dopo lunghi viaggi in giro per l'Europa, soprattutto in Italia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Danserinden - La danzatrice, poemetto del 1832
  • Amor og Psyche - Amore e Psiche, dramma in versi di mitologia del 1834
  • Adam Homo - Adam Homo, poema allegorico, 1841-1848
  • Adonis - Adone, dramma mitologico del 1874
  • Ivan Likkes historie - La storia di Ivan il fortunato, romanzo in tre volumi, scritto fra il 1866 e il 1873.

Controllo di autorità VIAF: 12416841 LCCN: n81068795