Francobolli dello Stato Pontificio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I francobolli dello Stato Pontificio sono quei francobolli emessi ed utilizzati nello Stato della Chiesa tra il 1º gennaio 1852 e la Presa di Roma (20 settembre 1870).

Lo Stato Pontificio è il terzo, in ordine cronologico, tra gli "antichi stati italiani" ad emettere e regolamentare l'utilizzo dei francobolli.

L'introduzione dei francobolli, o "bolli franchi" come venivano a volte chiamati all'epoca, avviene a seguito di un editto del cardinale Giacomo Antonelli del 29 novembre 1851 e successivo decreto del Ministero delle Finanze (datato 19 dicembre 1851) denominato "Regolamento per l'applicazione dei bolli franchi alla corrispondenza postale".

Il soggetto dei francobolli è uguale per tutte le emissioni ed è lo stemma del Vaticano (composto dalle chiavi decussate sovrastate dalla tiara papale) sovrastato dalla scritta "FRANCO BOLLO POSTALE". Il valore nominale del francobollo è riportato sotto lo stemma con tre lettere: "BAJ", "SCUDO", "CENT" rispettivamente per Bajocco, Scudo e centesimi di Lira vaticana. Le sigle delle valute sono seguite dal numero che indica il valore.

Prima emissione[modifica | modifica wikitesto]

La prima emissione entrò in uso a partire dal 1º gennaio 1852 e restò in uso sino al 20 settembre 1867 per il solo Lazio (gli altri territori fino al 1860).

La prima emissione è composta da undici tipi di francobolli diversi: mezzo bajocco, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 50 bajocchi e 1 scudo.

Essi si distinguono, oltre che per l'esplicita indicazione del valore nominale, per il tipo della carta (a mano o a macchina), il colore e per la forma delle cornici entro cui è rappresentato il soggetto. Tutti i francobolli sono contenuti in una forma rettangolare.

Colorazioni della prima serie dello Stato Pontificio - Chiavi decussate in vari riquadri[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i valori sono in nero su carta colorata, tranne i valori da 50 bajocchi e 1 scudo che sono monocromi su carta bianco-crema. Esistono numerose ristampe.

Valore in bajocchi o scudi colorazione carta descrizione Note
½ bajocco grigio Chiavi e valore "BAJ MEZZO" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica
½ bajocco violetto Chiavi e valore "BAJ MEZZO" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica
1 bajocco verde grigiastro Chiavi e valore "BAJ 1" inseriti in una doppia cornice di forma semi-ellittica 1^ composizione
1 bajocco verde scuro Chiavi e valore "BAJ 1" inseriti in una doppia cornice di forma semi-ellittica 1^ composizione
1 bajocco verde scuro Chiavi e valore "BAJ 1" inseriti in una doppia cornice di forma semi-ellittica 2^ composizione
2 bajocchi verde oliva Chiavi e valore "BAJ 2" inseriti in una doppia cornice di forma rettangolare
2 bajocchi bianco Chiavi e valore "BAJ 2" inseriti in una doppia cornice di forma rettangolare
3 bajocchi bistro arancio Chiavi e valore "BAJ 3" inseriti in una doppia cornice di forma ovale
3 bajocchi bruno Chiavi e valore "BAJ 3" inseriti in una doppia cornice di forma ovale
4 bajocchi bruno grigio chiaro Chiavi e valore "BAJ 4" inseriti in una doppia cornice di forma circolare
4 bajocchi giallo Chiavi e valore "BAJ 4" inseriti in una doppia cornice di forma circolare
5 bajocchi rosa chiaro Chiavi e valore "BAJ 5" inseriti in una doppia cornice di forma rettangolare
6 bajocchi grigio verdastro Chiavi e valore "BAJ 6" inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale
6 bajocchi lilla grigio Chiavi e valore "BAJ 6" inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale
7 bajocchi azzurro Chiavi e valore "BAJ 7" inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale
8 bajocchi bianco Chiavi e valore "BAJ 8" inseriti in una doppia cornice a forma ottagonale
50 bajocchi azzurro su bianco-crema Chiavi e valore "BAJ 50" inseriti in una cornice con motivi floreali Raro. nuovo vale intorno ai 15000 euro. Usato 2000.
50 bajocchi azzurro oltremare scuro su bianco-crema Chiavi e valore "BAJ 50" inseriti in una cornice con motivi floreali Stampa difettosa. Molto raro.
1 scudo rosa carminio su bianco-crema Chiavi e valore "SCUDO 1" inseriti in una cornice di tipo classico Nuovo vale 4000 euro. Su busta è molto raro.
20 bajocchi giallo su bianco Chiavi e valore "BAI 20" inseriti in una cornice a forma ottagonale" Non emesso noto con il nome di "Giallino". Molto raro, esiste solo un valore e due fogli completi. Vale circa 300 000 euro.

Il valore da 1 bajocco esiste in due tipi di composizione del foglio (come i francobolli sono stati disegnati sul foglio). Nella 1ª composizione i filetti che dividono i francobolli sono in senso verticale. Nella 2ª composizione i filetti sono continui in senso orizzontale. Sono particolarmente pregiati tutti i valori che hanno tutti e otto i filetti che li contornano, in maniera visibile.

Alcuni esemplari di alcuni tipi esistono stampati con inchiostro oleoso, di colore grigio perla o verdastro. Non sono comuni.

Seconda emissione[modifica | modifica wikitesto]

La seconda emissione dei francobolli dello Stato Pontificio fu emessa il 21 settembre 1867. I tipi sono gli stessi utilizzati nella prima emissione, ma la valuta è in centesimi anziché bajocchi e scudi. La stampa è sempre tipografica in nero, ma in questa emissione è su carta lucida colorata. I fogli sono di 64 esemplari (4 gruppi di 16).

Colorazioni della seconda serie dello Stato Pontificio - Chiavi decussate in vari riquadri[modifica | modifica wikitesto]

Valore in centesimi colorazione carta descrizione Note
2 centesimi verde giallo o verde vivo Chiavi e valore "2 Cent." inseriti in una doppia cornice di forma rettangolare
3 centesimi grigio rosa Chiavi e valore "TRE CENTESIMI" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica Su busta è raro.
3 centesimi grigio Chiavi e valore "TRE CENTESIMI" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica Più raro del grigio rosa se usato (vale circa 7000 euro). Su busta vale più di 100 000 euro.
3 centesimi verde Chiavi e valore "TRE CENTESIMI" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica Rarissimo. noto solo senza gomma, Non Emesso. Vale 150 000 euro.
5 centesimi azzurro verdastro Chiavi e valore "5. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ovale
10 centesimi vermiglio arancio Chiavi e valore "10. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale
20 centesimi rosso bruno (o indiano) Chiavi e valore "20. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma circolare
40 centesimi giallo Chiavi e valore "40. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale
80 centesimi rosa lillaceo Chiavi e valore "80. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma pseudo-ovale

Terza emissione[modifica | modifica wikitesto]

La terza emissione dei francobolli dello Stato Pontificio fu emessa il 12 marzo 1868. I tipi sono gli stessi utilizzati nella seconda emissione, ma ristampati con dentellatura 13. La stampa è sempre tipografica in nero, ma in questa emissione è su carta lucida colorata. I fogli sono di 120 esemplari (escluso i 3 cent. che sono di 64 esemplari (4 gruppi di 16)). I fogli sono non dentellati ai 4 bordi laterali.

Colorazioni della terza serie dello Stato Pontificio - Chiavi decussate in vari riquadri[modifica | modifica wikitesto]

Valore in centesimi colorazione carta descrizione Note Tipo di carta
2 centesimi verde chiaro Chiavi e valore "2 Cent." inseriti in una doppia cornice di forma rettangolare Carta lucida.
3 centesimi grigio rosa Chiavi e valore "TRE CENTESIMI" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica Francobollo raro. Nuovo vale 10 000 euro e usato 30 mila. Su busta è molto raro, vale circa 150 000 euro. Carta lucida.
3 centesimi grigio Chiavi e valore "TRE CENTESIMI" inseriti in una doppia cornice di forma ellittica Usato è raro, vale circa 4000 euro. Su busta vale più di 30 000 euro. Carta lucida.
5 centesimi azzurro chiaro Chiavi e valore "5. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ovale Carta lucida.
10 centesimi vermiglio arancio Chiavi e valore "10. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale Carta lucida.
20 centesimi rosso bruno (o indiano) Chiavi e valore "20. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma circolare Carta opaca.
20 centesimi solferino Chiavi e valore "20. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma circolare Carta opaca.
40 centesimi giallo limone Chiavi e valore "40. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale
80 centesimi rosa chiaro Chiavi e valore "80. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma pseudo-ovale
80 centesimi fragolone Chiavi e valore "80. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma pseudo-ovale Rara colorazione. Nuovo vale 5 000 euro e usato 40 mila. Carta lucida.
80 centesimi lilla rosso Chiavi e valore "80. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma pseudo-ovale Non emesso. Carta opaca.

I non emessi[modifica | modifica wikitesto]

I francobolli non emessi dello Stato Pontificio del 1 settembre 1870 non furono emessi a causa dell'occupazione delle truppe italiane, con la famosa breccia di Porta Pia. I francobolli, già allestiti e in attesa di ultimazione, non furono gommati e dentellati, divenendo così una emissione a se. Le colorazioni sono tenui, tipiche dell'emissione dentellata, perciò si distinguono abbastanza agevolmente dai francobolli della seconda serie. Inoltre i fogli sono di 120 esemplari, anziché 64 (della seconda emissione). I valori da 10 cent. e da 20 cent. sono comuni.

Colorazioni dei non emessi (identici alla terza serie) dello Stato Pontificio - Chiavi decussate in vari riquadri[modifica | modifica wikitesto]

Valore in centesimi colorazione carta descrizione Note
5 centesimi azzurro chiaro Chiavi e valore "5. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ovale Non emesso
10 centesimi vermiglio arancio Chiavi e valore "10. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma ottagonale Non emesso
20 centesimi violetto rosso Chiavi e valore "20. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma circolare Non emesso
20 centesimi rosso violetto Chiavi e valore "20. Cent." inseriti in una doppia cornice di forma circolare Non emesso

Francobolli del Regno d'Italia usati con annulli a rombo pontifici[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo di transizione tra lo Stato Pontificio e il Regno d'Italia in alcuni uffici del centro Italia rimasero in uso anche gli annulli a rombo pontifici, caratteristica obliterazione composta da un rombo con linee perpendicolari oblique.

Sono conosciuti tutti i valori della serie di Vittorio Emanuele II del 1863, escluso il 2 Lire. In foto due esemplari con questo annullo: il 20 centesimi azzurro del 1867 e il 60 centesimi lilla (uno dei pochissimi conosciuti con questo annullo).

Due francobolli delle serie di Vittorio Emanuele II annullati con il timbro pontificio: 20 cent. e il raro 60 cent.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Link[modifica | modifica wikitesto]

Studio sui francobolli dello Stato Pontificio da 2 Baj e 5 Baj, con varietà, stereotipi, informazioni varie

Filatelia Portale Filatelia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filatelia