Stemma della Città del Vaticano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stemma del Vaticano)
Insigne Vaticanum

Coat of arms of the Vatican City 1929.svg

Blasonatura
Scudo sannitico di rosso alle chiavi pontificie, una d'oro e l'altra d'argento, decussate, addossate, con gli ingegni traforati in forma di croce in alto, rivolti verso i lati dello scudo e legate da un cordone rosso, terminate in nappe dello stesso; timbrate dal triregno papale d'argento, con applicate tre corone d'oro, cimato da un piccolo globo sostenente una crocetta dello stesso, foderato di rosso;dal triregno pendono due infule d'argento, frangiate d'oro e caricate ciascuna da crocette d'oro, che avvolgono le chiavi.

Lo stemma della Città del Vaticano è l'emblema araldico dello stato indipendente della Città del Vaticano.

Esso è descritto ufficialmente all'articolo 20 della Legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano, in vigore dal 22 febbraio 2001,[1] che riprende il contenuto dell'articolo 19 della Legge Fondamentale originale della Città del Vaticano, adottata il 7 giugno 1929 con effetto immediato.[2] Entrambi questi documenti ufficiali presentano l'illustrazione dello stemma dello stato accompagnato dalle parole «Chiavi decussate sormontate dal triregno in campo rosso»[3] sotto la voce "Allegato B. Stemma ufficiale dello Stato della Città del Vaticano".[4]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gli emblemi della Santa Sede.

Lo stemma rappresenta due simboli della Chiesa cattolica, che ha sede in questo Stato: il triregno e le chiavi di San Pietro.[5]

Il triregno[modifica | modifica sorgente]

Il triregno, o tiara, è il copricapo proprio del Papa: rappresenta la triplice Chiesa (militante, sofferente, trionfante), ma anche i tre poteri del Papa, padre dei re, rettore del mondo e vicario di Cristo. Dal triregno pendono le infule, ciascuna decorata da una croce patente.[5]

Le chiavi[modifica | modifica sorgente]

Sotto al triregno sono rappresentate le chiavi, simbolo del legato che Gesù Cristo ha lasciato a San Pietro (la custodia delle chiavi del Regno) e quindi alla cristianità, decussate a Croce di sant'Andrea. Le chiavi di san Pietro decussate sono diventate, fin dal XIV secolo, l'insegna ufficiale della Santa Sede.[5]

Le due chiavi sono una d'oro e l'altra d'argento; solitamente sono posizionate con i congegni (traforati a forma di croce, come simbolo religioso) posti all'esterno, orientati in alto, rivolti verso il cielo.

Si noti che la chiave dorata punta a destra: è l'opposto dello stemma utilizzato per simboleggiare il papato e la Santa Sede; essa allude al potere sul regno dei cieli. Quella d'argento, «a sinistra», indica invece l'autorità spirituale del papato in terra.[5]

Le impugnature, rivolte in basso, come se fossero «nelle mani del Vicario di Cristo», non hanno una codifica precisa e possono variare secondi il gusto di chi le rappresenta, dal gotico al barocco; sono unite alle impugnature da due cordoni che terminano con fiocchi, rossi od azzurri: questi cordoni alludono al legame dei poteri temporale e spirituale del Papa.[5]

Nella bandiera dello Stato della Città del Vaticano è contenuto il solo stemma, senza lo scudo rosso, spesso utilizzato in altre occasioni anche come stemma di stato.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La nuova legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano
  2. ^ Legge fondamentale della Città del Vaticano, 7 giugno 1929
  3. ^ Claudio Ceresa, Una sintesi di simboli ispirati alla Scrittura, L'Osservatore Romano, 10 agosto 2008. [collegamento interrotto]
  4. ^ "All. B. Stemma Ufficiale dello Stato della Città del Vaticano", 7 giugno 1929
  5. ^ a b c d e f Bandiera, Stemma e Sigillo della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, Sala Stampa della Santa Sede. URL consultato il 17 dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]