Fiasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fiasco (disambigua).
Fiaschi di chianti
Un'ancella con due fiaschi legati al polso: particolare della Nascita di Giovanni Battista - Ciclo di affreschi (1485-1490) del Ghirlandaio, Cappella Tornabuoni Santa Maria Novella – Firenze.

Il fiasco è un contenitore in vetro, rivestito di paglia, di forma panciuta e con il collo allungato. È prodotto per soffiatura in vetro chiaro, verde o bianco, di spessore sottile, di forma quasi sferica e senza piede. È rivestito di sala o paglia intrecciata, con una base ad anello, che gli permette di stare in piedi autonomamente e lo protegge dagli urti. Un tempo era molto diffuso ma i costi di produzione del rivestimento e la difficoltà di stoccaggio ne hanno decretato l'abbandono.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quasi sicuramente il fiasco in vetro risale al XIV secolo. Ci sono fonti letterarie e iconografiche che lo menzionano. Infatti, due novelle del Decamerone di Giovanni Boccaccio, scritto tra il 1349 e il 1353, ne fanno riferimento come recipiente idoneo a contenere “vino vermiglio”.

Anche testimonianze figurative della metà del XIV secolo illustrano recipienti in vetro simili al fiasco, ricoperti con cordicelle di erba palustre intrecciata, comunemente chiamata sala.

Il fiasco veniva prodotto nelle vetrerie ed erano i fiascai, maestri vetrai specializzati, a realizzarlo. Il vetro fuso veniva prelevato da un forno e con la canna da soffio e senza l’ausilio di stampi veniva modellato. I fiaschi successivamente venivano ricoperti “con la vesta” dalle fiascaie.

Il fiasco comune, munito di strisce di sala disposte in senso verticale, detto “uso Chianti”, era adoperato per (infiascare) imbottigliare vino da tavola.

Nella prime metà del Novecento, i fiaschi destinati all’esportazione del vino all’estero o esposti in occasione di mostre vinicole, furono decorati con quattro piccole bande verticali di colore verde e rosso che inneggiavano alla bandiera italiana. I colori erano alternati e distanziati in ugual modo sulla circonferenza della pancia del fiasco.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Base: assente
  • Corpo: ovoidale impagliato
  • Spalla: slanciata
  • Collo: lungo
  • Cercine: cilindrico poco rilevato
  • Altezza: 31 cm circa.
  • Capacità: 1,5 l (oggi si trovano anche fiaschi da 0,5 l, 0,75 l, 1 l e 2 l).[1]

Il fiasco per lungo tempo è stato il contenitore naturale di vino toscano sin quando è stata preferita la bottiglia bordolese, più economica e facile da trasportare.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chianti DOCG Fiasco paglia. URL consultato il 7 febbraio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]