Damigiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una damigiana bulgara (damadžana)
Una damigiana di tipo toscano

La damigiana è un tipo di vaso vinario in vetro, con capacità da 5, 10, 12, 15, 17, 20, 23, 25, 28, 34 e 54 litri. Ha una forma rotonda e nel passato era rivestita in vimini e con fondo di legno di castagno per il trasporto (attualmente il rivestimento è perlopiù in plastica). Le damigiane erano i bottiglioni familiari degli italiani: una damigiana di vino bastava per circa un mese in una famiglia.

Vengono ancora usate nelle cantine "storiche" come contenitori per ottimizzare le capacità dei tini grandi.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'etimologia tradizionale afferma che damigiana proviene dal francese dame Jeanne (la "signora Giovanna", con allusione scherzosa alla forma tondeggiante)[1]. Secondo il Dizionario etimologico italiano di Carlo Battisti e Giovanni Alessio, damigiana invece non deriverebbe dal francese ma dal provenzale demeg, a sua volta da un latino tardo *demedius per il classico dīmidius, "mezzo", oppure dall'arabo damajān, un recipiente di creta proveniente dalla città persiana di Damghan[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Devoto, Avviamento all'etimologia italiana, Milano, Mondadori, 1979.
  2. ^ Carlo Battisti, Giovanni Alessio, Dizionario etimologico italiano, Firenze, Barbera, 1950-57.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]