Félix María Calleja del Rey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Félix María Calleja del Rey Bruder Losada Campaño y Montero de Espinosa

Félix María Calleja del Rey Bruder Losada Campaño y Montero de Espinosa (Medina del Campo, 1º novembre 1753Valencia, 24 luglio 1828) è stato un militare spagnolo.

Fu conte di Calderon e fu anche il 59mo Viceré della Nuova Spagna, dal 4 marzo 1813 fino al 20 settembre 1816, durante la Guerra d'indipendenza del Messico. Si distinse per i suoi metodini spediti contro i rivoluzionari, sia durante la sua permanenza nell'esercito che durante il periodo del viceregno.

Ritorno in Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1818 al suo ritorno in spagna, gli vennero concesse le più alte onorificenze militari, le gran croci di Isabella Cattolica e San Ermenegildo. Venne nominato capitano generale di Andalusia e governatore di Cadice 1819, e il re lo incaricò dell'organizzazione di un esercito per riconquistare i domini spagnoli nelle americhe. Venne fatto prigioniero da Rafael Riego, e rimase imprigionato a Malloraca fino al 1823, anno in cui ritornò al suo compito di capitano generale di Valencia, carica che occuperà fino alla sua morte nel 1828.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Viceré della Nuova Spagna Successore
Francisco Javier Venegas 1813 - 1816 Juan Ruiz de Apodaca