Esercito di liberazione nazionale (Bolivia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Ejército de Liberación Nacional ("Esercito di liberazione nazionale" in spagnolo) è una organizzazione di guerriglieri Marxista-leninista operante in Bolivia tra gli anni sessanta e settanta del secolo scorso. Fu fondata da Che Guevara e negli anni della guerra fredda fu appoggiata dal regime cubano di Fidel Castro e dall'Unione sovietica. Strategicamente adottò la dottrina del focolaio, cioè credeva che un piccolo nucleo di guerriglieri sarebbe stato capace, con il suo esempio, di trascinare le masse in una rivoluzione socialista.

L'organizzazione cominciò ad operare nel 1966 ma la dottrina del focolaio fallì e Guevara fu catturato ed ucciso nell'ottobre 1967.
Nell'agosto 1973 si riunì alla Giunta di coordinamento rivoluzionaria per promuovere l'insurrezione nel Cono sud. I regimi militari appoggiati dagli Stati Uniti risposero con l'operazione Condor l'anno seguente.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]