Epomophorus minimus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipistrello della frutta dalle spalline dell'Africa orientale
Immagine di Epomophorus minimus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Epomophorus
Specie E.minimus
Nomenclatura binomiale
E.minimus
Claessen & de Vree, 1991
Areale

Distribution of Epomophorus minimus.png

Il Pipistrello della frutta dalle spalline dell'Africa orientale (Epomophorus minimus Claessen & de Vree, 1991) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, diffuso nell'Africa orientale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni con la lunghezza della testa e del corpo tra 96 e 115 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 54 e 67 mm, la lunghezza delle orecchie tra 16 e 20 mm e un peso fino a 53 g.[3][4]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il colore del corpo è simile a Epomophorus labiatus, con una macchia bianca sul ventre ed un collare più scuro presente nei maschi. Sono presenti 6 solchi palatali, di cui 2 post-dentali.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

La sua dieta è probabilmente associata ai climi aridi del suo habitat.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa in Etiopia, Kenya, Somalia meridionale, Tanzania settentrionale e Uganda occidentale.

Vive nelle Savane secche e aride.[1]

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto Areale e la popolazione numerosa, classifica E.minimus come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Mickleburgh, S., Hutson, A.M. & Bergmans, W. 2008, Epomophorus minimus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Epomophorus minimus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Claessen & de Vree, 1991
  4. ^ Happold & Happold, 2013

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carl J. Claessen & Frits de Vree, Systematic and taxonomic notes on the Epomophorus anurus-labiatus-minor complex with the description of a new species (Mammalia: Chiroptera: Pteropodidae) in Senckenbergiana Biologica, vol. 71, 1991, pp. 209-238.
  • Meredith & David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume IV-Hedgehogs, Shrews and Bats, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122549

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi