Dublin Virginal Manuscript

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Dublin Virginal Manuscript è un'importante antologia di musica per tastiere presente nella biblioteca del Trinity College di Dublino, dove è custodita fin dal XVII secolo con il numero di catalogo TCD Ms D.3.29.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il manoscritto venne probabilmente acquistato dall'arcivescovo James Ussher, che dal 1603 fu inviato frequentemente in Inghilterra "per rifornire la libreria della University of Dublin". Il titolo "Dublin Virginal Manuscript" è moderno e non vi è alcuna menzione per quale tipo di strumento sia stata scritta la musica in esso contenuta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il manoscritto, costituito da 72 pagine, è contenuto in un piccolo volume di 13,2 x 17,8 cm. In una certa epoca si trovò unito al Dallis Lute Book (forse del 1583), ma i due volumi sono stati in mani diverse e la raccolta di pezzi per tastiera forma un manoscritto separato ed indipendente.

L'opera non è datata ed i 30 pezzi non hanno un titolo a parte uno, attribuito a "Mastyre Taylere". Quattro dei pezzi sono arrangiamenti di canzoni e danze popolari presenti in altri manoscritti, principalmente editi da Tielman Susato, Adrien Le Roy e Pierre Phalèse il vecchio in Europa continentale. Da questi elementi, assieme alle evidenze stilistiche, il manoscritto può esser fatto risalire al 1570 circa.

La maggior parte delle composizioni sono scritte su un pentagramma di sette linee. Le parti per la mano destra sono scritte con una chiave c inserita nella prima o seconda linea dal basso, mentre quelle per la mano sinistra sono scritte con una chiave f di solito posizionata sulla quarta o quinta linea dal basso. Tutte le ripetizioni sono copiate, anche se non vi è alcun cambiamento nella musica.

Il Dublin Virginal Manuscript è importante nella storia della musica inglese per strumenti a tastiera del tempo, per essere una delle sole cinque raccolte precedenti il My Ladye Nevells Booke di William Byrd del 1591. Esso è anche il secondo più antico libro (dopo The Mulliner Book) di pezzi di compositori tedeschi, dei quali contiene quattro pezzi. Il Dublin Virginal Manuscript rappresenta anche un altro passo verso lo sviluppo della musica profana inglese per tastiere, dal 1530 al suo culmine della fine del XVI secolo, con esempi di sviluppo del contrappunto in in alcuni pezzi.[1]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

I titoli sono stati ricavati da altre fonti contenenti pezzi analoghi:

  1. Passing Measures Pavan
  2. Galliard to the Passing Measures Pavan
  3. Pavan "Mastyre Taylere"
  4. Galliard to the pavan before
  5. Pavan
  6. Galliard to the pavan before
  7. Pavan
  8. Galliard to the pavan before
  9. Variations on the romanesca
  10. Divisions on the Goodnight ground
  11. The Earl of Essex Measure
  12. Branle Hoboken
  13. Was not good King Solomon
  14. Dance
  15. Almande du prince
  16. Le Reprinse of the Almande du Prince
  17. Galliard
  18. Almande Le Pied de Cheval
  19. Almande Bruynsmedelijn
  20. L'homme armé alias Lumber me
  21. Pavan
  22. Galliard to the pavan before
  23. Galliard
  24. Like as the lark within the marleon's foot
  25. Turkeylony
  26. Pavan
  27. Galliard to the pavan before
  28. Dance
  29. Dance
  30. Variations on Chi passa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The History of Keyboard Music to 1700, Willi Apel, Hans Tischler, trans. Hans Tischler, pp. 251-3, Indiana University Press, 1997, ISBN 0253211417

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Dublin Virginal Manuscript by John Ward. Schott, & Co., London 1983. ISBN 0901938947
  • The Almain in Britain c.1549 – c.1675. A Dance Manual from Manuscript Sources by Ian Payne. Ashgate Publishing, Aldershot, 2003. ISBN 978-0859679657

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]