Druuna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Druuna
Lingua orig. Italiano
Autore Paolo Eleuteri Serpieri
1ª app. 1985
1ª app. in Druuna Morbus Gravis
Sesso Femmina
Parenti Schastar (fidanzato)
Druuna
fumetto
Testi Paolo Eleuteri Serpieri
Disegni Paolo Eleuteri Serpieri
1ª edizione 1985 – giugno 2004
Albi 8 (completa)
Generi fantascienza, erotico

Druuna è un personaggio dei fumetti creato da Paolo Eleuteri Serpieri (testi e disegni). È una eroina protagonista di un'omonima serie ambientata in un futuro senza tempo, in cui si uniscono fantascienza ed erotismo.

Gli albi sono stati pubblicati in Italia dalla casa editrice Alessandro, in Francia dalla rivista Métal Hurlant e negli Stati Uniti da quella Heavy Metal.

Druuna è spesso il personaggio principale nelle opere di Serpieri ed è protagonista degli otto volumi della serie Morbus Gravis: Morbus Gravis, Morbus Gravis 2: Druuna, Creatura, Carnivora, Mandragora, Afrodisia, Il Pianeta Dimenticato e Clone.

La serie è caratterizzata da contenuti di sesso e violenza molto realistici. In Creatura sono rappresentati amplessi in modo quasi completamente esplicito, i tre volumi successivi sono non censurati mentre la serie torna a rappresentazioni non esplicite del sesso ne Il pianeta dimenticato. Druuna è anche presente in numerosi artbook di Serpieri quali Obsession, Druuna X, Druuna X 2, Croquis, Serpieri Sketchbook, Serpieri Sketchbook 2.

A Druuna è anche dedicato il videogioco 3D Druuna: Morbus Gravis.

Serpieri rappresenta Druuna come una donna bella e sensuale, dalle fattezze mediterranee, lunghi capelli neri e carnagione olivastra. Nella maggior parte dei casi il ruolo di Druuna è quello di un oggetto sessuale desideroso di essere tale e che si piega ad ogni genere di avance. In più di una storia le è però capitato di essere violentata. Spesso è rappresentata come nuda o seminuda e le sue immagini sono sovente riprodotte come poster. La gran parte delle avventure di Druuna hanno luogo in un futuro post apocalittico, e la trama è considerata dai detrattori semplice veicolo per scene di pornografia soft e hard. Col proseguire della trama, negli ultimi numeri attuali (7-9), viene accennato a un afrodisiaco che stimola particolarmente il desiderio sessuale, indicando indirettamente Druuna, come nella mitologia antica la dea della lussuria Afrodite, o come una sua ancella prediletta, per i rapporti sessuali con ogni individuo uomo che incontra.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Druuna bloccata all'interno di una città diroccata e isolata, è nella sua stanza che legge dei libri che parlano che nell'antichità il mondo era pieno di foreste montagne e laghi. La cosa è proibita poiché i preti la considerano un tabù e se la scoprissero Druuna verrebbe catturata per blasfemia e giustiziata. Schastar il fidanzato di Druuna afflitto dal "morbo" - una misteriosa malattia che trasforma gli uomini in mostri assetati di sangue e di un irrefrenabile desiderio sessuale - sta peggiorando sempre di più. Solo il suo amore per Druuna gli impedisce di non aggredire e di violentare l'amata. Dato le condizioni gravose di Schastar, Druuna decide di andare dal medico della città Ottoneger per prendere "il siero" unica cura che arresta il propagarsi del morbo. Druuna appena uscita dal suo nascondiglio, assiste all'esecuzione di un uomo afflitto dal morbo che viene catturato da un gruppo di cacciatori al comando di un prete e spedito nei livelli inferiori dove lì gli uomini sono diventati mostri assetati di sangue. Se venissero a sapere che Druuna tiene un infetto in casa la ucciderebbero all'istante. Durante le sue peregrinazione Druuna fa la conoscenza di un nano che dice di conoscere delle vie più sicure, lontane dai cacciatori che se scoprissero Druuna la catturerebbero per poi violentarla. Scendendo così nel sotto suolo, la ragazza fa la conoscenza di un "mutante" transessuale in compagnia delle sue figlie e moglie desiderose solo di fare sesso, eccitate da Druuna per la sua bellezza. Il mutante parla a Druuna che Schastar ha le risposte del mondo in cui vivono.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]