Domenico Battaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Battaglia (Napoli, 1842Napoli, dopo il 1921) è stato un pittore italiano, di scuola napoletana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo i primi incoraggianti esordi presso lo studio di Francesco Paolo Michetti, si iscrisse all'Istituto di Belle Arti di Napoli.

Ritrasse inizialmente paesaggi e nature morte ma trovò la maggiore fama soprattutto nelle riproduzioni di interni di chiese e monasteri riprodotti con perizia ed indiscussa abilità ed animate da soggetti religiosi nei quali, come affermava il pittore Nicola Scalinger, "riusciva ad essere sapiente nella distribuzione prospettica e assai felice ad infondere nelle tele la tranquillità degli ambienti".

Partecipò a numerose mostre sia in Italia che all'estero per lunghi anni, dal 1859 sino al 1921 ultima sua presenza registrata alla prima Esposizione Biennale d'Arte di Napoli dove presentò il dipinto Scena monastica.

Fu anche vincitore nel 1870 della medaglia d'argento alla prima mostra di Belle Arti di Napoli oltre che di numerosi altri premi e riconoscimenti.

Oggi le sue opere sono conservate sia presso amministrazioni pubbliche che in collezioni private.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Rinaldi, "Pittori a Napoli nell'Ottocento", Libri & Libri, 2001
  • Mazzarese Fardella Mungivera, "’800 altro. Pittura napoletana tra Otto e Novecento", Rogiosi Ed., 2011