Dilemma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Dilemma (disambigua).

Un dilemma (dal greco antico δί-λημμα "proposizione doppia") è un problema che offre un'alternativa fra due o più soluzioni, nessuna delle quali si rivela, in pratica, accettabile.

Il dilemma viene proposto spesso come espediente della retorica, nella forma "devi accettare A, oppure B", dove A e B sarebbero proposizioni che conducono a ulteriori conclusioni. Applicato in tal modo, esso può essere un sofisma, o una falsa dicotomia.

Logica formale[modifica | modifica wikitesto]

In logica formale, la definizione di dilemma si differenzia profondamente dall'uso che si fa del termine nel linguaggio comune. È ancora presente l'alternativa tra due opzioni, ma la scelta fra le due possibilità è irrilevante perché esse implicano entrambe la stessa conclusione. Questo può essere formulato in simboli come

A \vee B, A \Rightarrow C, B \Rightarrow C \vdash C

che può essere informalmente espresso così: "si sa che almeno una tra A e B è vera (eventualmente possono esserlo entrambe). Entrambe poi implicano C. Se ne conclude che C è vera indipendentemente dai valori di verità di A e B."

Dilemmi costruttivi

(X, \Rightarrow Y) \wedge (W \Rightarrow Z), X \vee W \vdash Y \vee Z

Dilemmi distruttivi

(X, \Rightarrow Y) \wedge (W \Rightarrow Z), (\neg Y) \vee (\neg Z) \vdash (\neg X) \vee (\neg W)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]