Davide Antonio Fossati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Davide Antonio Fossati (Morcote, 21 aprile 1708Venezia, 28 dicembre 1795) è stato un pittore e incisore svizzero-italiano[1].

Nel 1720, a soli 12 anni, lascia la città natale per recarsi presso il prozio a Venezia, dove entrerà nella bottega del pittore austriaco Daniele Gran. Lavora a Este, Vienna, Bratislava, Pannonhalma, oltre che a Lugano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Davide Antonio Fossati in Dizionario storico della Svizzera.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carlo Palumbo Fossati, I Fossati di Morcote, Bellinzona 1970.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Lugano-Porza 1980, 316-318.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 350-352.
  • Isabella Palumbo Fossati, I Fossati di Morcote. Una famiglia di artisti a Venezia, in Giorgio Mollisi (a cura di), "Svizzeri a Venezia nella storia nell'arte nella cultura nell'economia dalla metà del Quattrocento ad oggi", Arte&Storia, anno 8, numero 40, Lugano settembre-ottobre 2008, 323-325.