Dalibor (opera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dalibor
Titolo originale Dalibor
Lingua originale tedesco, poi ceco
Musica Bedřich Smetana
Libretto Josef Wenzig
Atti tre
Epoca di composizione 1865-1867; revisione nel 1870
Prima rappr. 16 maggio 1868
Teatro Národní divadlo
Personaggi
  • Vladislav, re ceco (Baritono)
  • Dalibor, cavaliere (Tenore)
  • Budivoj, comandante dei soldati al castello (Baritono)
  • Benes, secondino (Basso)
  • Vitek, messo di Dalibor (Tenore)
  • Milada, sorella del burgravio di Ploskovice (Soprano)
  • Jitka, abitante dei domini di Dalibor (Soprano)
  • Giudici, soldati del re, messi e servi di Dalibor, popolo, clero

Dalibor è un'opera lirica in tre atti di Bedřich Smetana su libretto in lingua tedesca di Josef Wenzig rappresentata per la prima volta a Praga il 16 maggio 1868 diretta dall'autore.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La trama somiglia molto a quella del Fidelio di Beethoven. L'opera è ispirata alla vicenda di Dalibor di Kozojed, un cavaliere ceco che guidò una rivolta a Ploskovice a sostegno del popolo oppresso e fu condannato a morte nel 1498, durante il regno di Ladislao II di Boemia. Dalibor viene imprigionato per presunti piani rivoluzionari. La sua amante Milada, travestita da uomo come la Leonora del Fidelio, viene ferita mortalmente mentre è alla testa di un gruppo di rivoltosi. Dalibor si scontra allora con i soldati, ricongiungendosi con la morte con Milada.

Fortuna[modifica | modifica sorgente]

L'opera fu rappresentata per la prima volta al Národní divadlo (Teatro Nazionale di Praga) di Praga il 16 maggio 1868 diretta dallo stesso Bedřich Smetana. Gli interpreti furono:

Ruolo Voce Cast del 16 maggio 1868
Re Vladislav baritono Josef Lev
Dalibor tenore Jan Luvrik Lukes
Budivoj baritono Vojtech Sebesta
Beneš basso Josef Palecek
Vítek tenore Antonín Barcal
Milada soprano Emilie Benevicová-Miková
Jitka soprano Eleanora Ehrenbergů
Uno dei giudici basso
Giudici, soldati del re, messi e servi di Dalibor, popolo, clero

L'opera fu revisionata nel 1870, con libretto tradotto in ceco da Ervín Špindler, ma il successo fu ugualmente modesto, per cui Smetana pensò che la sua opera non fosse pienamente riuscita. Il successo si ebbe invece in una rappresentazione del 1886, due anni dopo la morte di Smetana[1]; dopo di allora fu rappresentata spesso negli anni novanta del XIX secolo, nei paesi di lingua tedesca[2] e infine in una memorabile rappresentazione a Vienna nel 1892 sotto la direzione di Gustav Mahler[1].

Critica[modifica | modifica sorgente]

All'epoca della sua composizione e delle prime rappresentazioni, quest'opera suscitò contro Smetana l'accusa di wagnerismo. Secondo Carlo Marinelli, tuttavia, dal punto di vista musicale, o quanto meno dal punto di vista vocale, nel Dalibor si avverte in modo particolare l'influenza di Bellini. Inoltre permangono nel Dalibor echi del modello di Gounod «soprattutto in certi momenti corali, o comunque nelle scene di massa e di movimento»[3]. Sono presenti elementi stilistici nazionalisti cechi, come i ritmi delle danze cèche, o lo stesso soggetto, riferito a un eroe leggendario boemo, o infine l'impiego del violino, considerato in Boemia lo strumento nazionale, in funzione solistica[4].

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b George Jellinek, Dalibor. Bedřich Smetana in The Opera Quarterly, vol. 14, nº 1, 1997, pp. 174–176. URL consultato l'8 luglio 2012.
  2. ^ John Clapham, "Smetana: A Century after". The Musical Times, 125(1694), pp. 201, 203–205 (April 1984).
  3. ^ Carlo Marinelli, «Bedřich Smetana». In: Alberto Basso (editor), Storia dell'opera, Torino: UTET, Vol. II, pp. 107-119 (on-line)
  4. ^ Maria Cristina Petri, «Dalibor». In: Piero Gelli (a cura di), Dizionario dell'opera 2008; edizione aggiornata da Filippo Poletti, Milano: Baldini Castoldi Dalai, 2007, pp. 279-280, ISBN 978-88-607-3184-5 (Google libri)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica