Dacriocita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Striscio di sangue periferico che evidenzia la presenza di dacriociti

Il dacriocita è un eritrocita a forma di lacrima. La sua presenza nel sangue, denominata dacriocitosi, è una forma di poichilocitosi[1].

Rappresenta il segno tipico della mielofibrosi e dell'anemia mieloftisica e si formano solo in caso di emopoiesi extramidollare e solo se la milza è intatta. La loro assenza rende improbabile la diagnosi di mieloftisi, ma la loro presenza non è specifica per tale malattia[1]. Infatti può essere presente inoltre nell'anemia megaloblastica e, occasionalmente, nelle sindromi mielodisplasiche e mieloproliferative, nella talassemia e nell'anemia sideropenica[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Handin, Lux, Stossel , op. cit., pp. 400, 2003.
  2. ^ Wallach , op. cit., pp. 383, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • V. Monesi, Istologia - 5ª edizione, Padova, Piccin nuova libreria, 2004, ISBN 88-299-1639-0.
  • Wheater, Istologia e anatomia microscopica, Milano, Ambrosiana, 2001, ISBN 88-408-1171-0.
  • Robert I. Handin, Samuel E. Lux, Thomas P. Stossel, Blood: Principles & Practice of Hematology, Lippincott Williams & Wilkins, 2003, ISBN 07-817-1993-3.
  • Jacques Burton Wallach, Interpretation of Diagnostic Tests, 8ª, Lippincott Williams & Wilkins, 2007, ISBN 07-817-3055-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]