Continental Basketball Association

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Continental Basketball Association
Sport Basketball pictogram.svg Pallacanestro
Tipo franchigie
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Canada Canada
Porto Rico Porto Rico
Messico Messico
Motto La più antica lega professionistica
di pallacanestro al mondo
Cadenza annuale
Partecipanti numero variabile
Formula Stagione regolare, Playoff, Finali
Sito Internet cbahoopsonline.com
Storia
Fondazione 1946
Soppressione 2009
Ultimo vincitore Azzurro e Nero.svg Lawton-Fort Sill Cavalry
Edizione in corso attività sospesa
Phil Jackson, allenatore dell'anno 1984

La Continental Basketball Association, meglio conosciuta con l'acronimo CBA, è stata una lega statunitense di pallacanestro professionistica.

Prima della fondazione della NBA D-League, la CBA era il principale serbatoio per le panchine delle squadre della National Basketball Association, e le franchigie erano formate da città prive di squadre NBA e lontane anche dal richiamo del college basketball; da ricordare fra le altre: Albany (NY), Tacoma, Oklahoma City, Omaha, Sioux Falls.

Nel 2001 la CBA dichiarò bancarotta, ma nell'autunno dello stesso anno un gruppo di franchigie acquistò nome, logo, registri e altre proprietà dai precedenti proprietari e riprese le attività mantenendo il nome di Continental Basketball Association.

Molti i giocatori che venendo dalla CBA hanno avuto una brillante carriera NBA, come non ricordare almeno John Starks e Anthony Mason, mentre a livello di allenatori la CBA è stata l'officina per la crescita del grande Phil Jackson che portò al trionfo in questa lega i suoi Albany Patroons.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La CBA si definisce con orgoglio La più antica lega professionistica di pallacanestro al mondo. Fu infatti fondata nel 1946, con il nome di Eastern Pennsylvania Basketball League, visto che le 6 squadre iscritte avevano tutte sede nello stato della Pennsylvania. Due anni dopo il nome cambiò in Eastern Professional Basketball League, e nel periodo successivo si aggiunsero altre franchigie dagli stati confinanti.

La EPBL continuò tuttavia ad essere una lega minore a carattere prevalentemente locale, finché nel 1970 si ribattezzò Eastern Basketball League e iniziò a svolgere la funzione di lega di sviluppo per le franchigie di NBA e ABA. Nel 1978 assunse infine il nome attuale, e iniziò ad annoverare squadre da tutti gli Stati Uniti e dal Canada.

Nel 1999 tutte le squadre della lega furono acquistate da un gruppo di investitori facenti capo all'ex giocatore della NBA Isiah Thomas. Questo tipo di gestione si rivelò tuttavia fallimentare, e la CBA, dopo 55 anni di attività ininterrotta chiuse i battenti nel 2001. Lo stesso Thomas, che subito dopo aver assunto la guida della lega abbandonò per un contratto di allenatore a Indiana, in NBA, fu considerato il responsabile del fallimento. In quello stesso anno però le ex squadre della lega, assieme a quelle di altre leghe minori come la International Basketball League e la International Basketball Association, rilevarono il marchio CBA e ridiedero vita all'antica lega.

La nuova CBA ha continuato a sopravvivere fino al 2008, anno in cui, colpite dalla crisi economica globale, quasi tutte le franchigie dichiararono fallimento. Il campionato 2008-2009 fu concluso in anticipo, con una serie finale disputata dalle migliori tra le quattro squadre rimaste, e vinta dai Lawton-Fort Sill Cavalry sugli Albany Patroons.

Per il 2009-2010 la lega, pur non dichiarando apertamente la fine delle operazioni, non ha tuttavia programmato alcun campionato.

Innovazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua storia la CBA ha introdotto nel basket professionistico alcune innovazioni che sono poi state adottate nelle leghe più importanti, come l'NBA.

  • Integrazione razziale. Già nel 1946 una squadra CBA, gli Hazelton Mountaneers, schierarono nel loro roster tre giocatori afro-americani: Bill Brown, Zack Clayton and John Isaacs. Isaacs aveva giocato in una squadra dimostrativa di soli giocatori neri, i Washington Bears, mentre gli altri due provenivano dagli Harlem Globetrotters. Nel 1955 gli Hazelton Hawks furono la prima squadra professionistica a schierare un quintetto composto completamente da giocatori afro-americani.
  • Tiro da tre punti. Anche se la prima lega a introdurre la linea dei tre punti fu la American Basketball League nel 1961, la CBA introdusse questa regola nel 1964, e nel suo campionato si perfezionarono molti specialisti del tiro da tre.
  • Canestri sganciabili. Dopo che Darryl Dawkins nel 1979 frantumò due tabelloni con le sue schiacciate, la CBA testò un nuovo modello di canestri sganciabili, che furono poi adottati dalle altre leghe e sono in uso ancora oggi.
  • Contratto di 10 giorni. Negli anni '80, un accordo con la NBA permise l'introduzione del "Contratto di 10 giorni": le squadre della NBA potevano firmare contratti con giocatori della CBA per 10 giorni: dopo due di questi contratti la squadra era obbligata a trattenere il giocatore per il resto della stagione o lasciarlo alla squadra CBA da cui proveniva. Questo tipo di contratti ha permesso a molti cestisti provenienti dalla CBA di affermarsi in NBA.

Albo d'Oro[modifica | modifica wikitesto]

Eastern Pennsylvania Basketball League (1946-1947)[modifica | modifica wikitesto]

Eastern Professional Basketball League (1947-1970)[modifica | modifica wikitesto]

Eastern Basketball Association (1970-1978)[modifica | modifica wikitesto]

Continental Basketball Association (1978-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Campioni Serie / Risultato Contendente
1978-79 Rochester Zeniths 4-0 Anchorage Northern Knights
1979-80 Anchorage Northern Knights 4-3 Rochester Zeniths
1980-81 Rochester Zeniths 4-0 Montana Golden Nuggets
1981-82 Lancaster Lightning 4-1 Billings Volcanos
1982-83 Detroit Spirits 4-3 Montana Golden Nuggets
1983-84 Albany Patroons 3-2 Wyoming Wildcatters
1984-85 Tampa Bay Thrillers 4-3 Detroit Spirits
1985-86 Tampa Bay Thrillers 4-1 La Crosse Catbirds
1986-87 Rapid City Thrillers 4-1 Rockford Lightning
1987-88 Albany Patroons 4-3 Wyoming Wildcatters
1988-89 Tulsa Fast Breakers 4-0 Rockford Lightning
1989-90 La Crosse Catbirds 4-1 Rapid City Thrillers
1990-91 Wichita Falls Texans 4-3 Quad City Thunder
1991-92 La Crosse Catbirds 4-3 Rapid City Thrillers
1992-93 Omaha Racers 4-1 Grand Rapids Hoops
1993-94 Quad City Thunder 4-1 Omaha Racers
1994-95 Yakima Sun Kings 4-1 Pittsburgh Piranhas
1995-96 Sioux Falls Skyforce 4-1 Fort Wayne Fury
1996-97 Oklahoma City Cavalry 4-1 Florida Beachdogs
1997-98 Quad City Thunder 4-3 Sioux Falls Skyforce
1998-99 Connecticut Pride 4-1 Sioux Falls Skyforce
1999-2000 Yakima Sun Kings 109-93 La Crosse Bobcats
2000-01 Idaho Stampede (prima e seconda alla sospensione del campionato) Connecticut Pride
2001-02 Dakota Wizards 116-109 Rockford Lightning
2002-03 Yakima Sun Kings 117-107 Grand Rapids Hoops
2003-04 Dakota Wizards 132-129 Idaho Stampede
2004-05 Sioux Falls Skyforce 3-1 Rockford Lightning
2005-06 Yakama Sun Kings 3-1 Gary Steelheads
2006-07 Yakama Sun Kings 3-0 Albany Patroons
2007-08 Oklahoma Cavalry 3-2 Minot SkyRockets
2008-09 Lawton-Fort Sill Cavalry 2-1 Albany Patroons

Lista delle squadre[modifica | modifica wikitesto]

Per ogni franchigia è riportata l'ultima denominazione, e tra parentesi le precedenti sedi e denominazioni[1].

  • Albany Patroons (1982-92, 2005-09; Capital Region Pontiacs 1992-93; Hartford Hellcats 1993-95; Connecticut Pride 1995-2001)
  • Albuquerque Silvers (1980-85; Alberta Dusters nel 1980-82; Las Vegas Silvers nel 1982-83; ad Albuquerque dal 1982)
  • Allentown Rockets (1946-47)
  • Anchorage Northern Knights (1977-82)
  • Asbury Park Boardwalkers (1966-68)
  • Atlantic City Hi Rollers (1977-82; Washington Metros nel 1977-78; Baltimore Metros nel 1978-79; a Utica come Mohawk Valley Thunderbirds nel 1978-79; Utica Olympics nel 1979-80)
  • Bakersfield Jammers (1989-92; San Jose Jammers nel 1989-91)
  • Berwick Carbuilders (1949-51; 1952-54)
  • Billings Volcanos (1979-83; Hawaii Volcanos nel 1979-80)
  • Brooklyn Dodgers (1977-78)
  • Butte Daredevils (2006-08)
  • Camden Bullets (1970-71)
  • Charleston Gunners (1974-87)
  • Cherry Hill Rookies (1973-75)
  • Connecticut Gold Coast Stars (1975-76)
  • Dakota Wizards (2001-06) (dall'IBA nel 2001; alla NBA D-League nel 2006)
  • Delaware Blue Bombers (1963-71; Wilmington Blue Bombers nel 1963-70)
  • East Orange Colonials (1972-74; Garden State Colonials nel 1972-73)
  • Easton Madisons (1956-61)
  • Evansville Thunder (1984-86)
  • Fargo-Moorhead Beez (2001-02; dall'IBA nel 2001)
  • Fort Wayne Fury (1991-01)
  • Gary Steelheads (2000-06) (alla USBL nel 2007)
  • Grand Rapids Hoops (1989-03; Grand Rapids Mackers nel 1994-96)
  • Great Falls Explorers (2006-08)
  • Great Lakes Storm (2001-05; Flint Fuze nel 2001-02)
  • Hamden Bics (1965-71; New Haven Elms nel 1965-69)
  • Hamilton Pat Pavers (1970-74; Trenton Pat Pavers nel 1970-72; Binghamton Flyers (1967-70); Bridgeport Flyers nel 1967-68)
  • Harrisburg Capitols (1952-53)
  • Harrisburg Senators (1947-48-50-51)
  • Harrisburg Patriots (1965-66-66-67)
  • Harrisburg Hammerheads (1978-95; Maine Lumberjacks nel 1978-83; Bay State Bombardiers nel 1983-86; Pensacola Tornadoes nel 1986-91; Birmingham Bandits nel 1991-92; Rochester Renegades nel 1992-94)
  • Hartford Capitols (1966-74; Baltimore Bullets nel 1958-61; Camden Bullets nel 1961-66)
  • Hartford Downtowners (1976-77)
  • Hazleton Mountaineers (1946-52; York Victory A.C. nel 1948-50; York Professionals nel 1950-51; York Cleaners nel 1951-52; Ashland Greens 1951-52; Hazleton Mountaineers 1951-52)
  • Hazleton Hawks (1953-62)
  • Hazleton Bits (1971-72; Cherry Hill Demons nel 1971-72)
  • Indiana Alley Cats (2006-2009)
  • Idaho Stampede (1997-06) (alla NBA D-League nel 2006)
  • Jersey Shore Bullets (1972-79; Hamburg Bullets nel 1972-73; Hazleton Bullets nel 1972-76; Asbury Park Bullets 1976-77; Jersey Shore Bullets nel 1976-77)
  • Johnstown C-J's (1965-66)
  • La Crosse Bobcats (1983-01; Toronto Tornadoes nel 1983-86; Pensacola Tornadoes nel 1985-86; Jacksonville Jets nel 1986-87; Mississippi Jets nel 1986-88; Wichita Falls Texans nel 1988-94; Chicago Rockers nel 1994-96)
  • Lancaster Red Roses (1946-55; Lancaster Rockets nel 1949-53)
  • Lawton-Fort Sill Cavalry (2007-2009; Oklahoma Cavalry nel 2007-08; alla Premier Basketball League nel 2009)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CBA History, champions, Basketpedya.com. URL consultato il 25 settembre 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]