Connettivite indifferenziata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Connettivite indifferenziata
Malattia rara
Codici di esenzione
SSN italiano RMG010
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 710
ICD-10 (EN) M35.1
Sinonimi
UCTD

Per connettivite indifferenziata si intende un insieme di patologie autoimmuni che colpiscono i tessuti connettivi, ma che non soddisfano i criteri diagnostici richiesti per le classiche connettivopatie quali il lupus eritematoso sistemico, la sclerosi sistemica, la polimiosite-dermatomiosite, la sindrome di Sjögren e l'artrite reumatoide. I primi studi specifici sull'epidemiologia e sulle caratteristiche cliniche di queste malattie risalgono agli anni ottanta.[1]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

L'incidenza rispetto al totale delle connettiviti risulta essere circa il 60%, mentre le forme indifferenziate nella metà dei casi si evolvono in forme conosciute. Ma altri studi dimostrano che tale percentuale è molto più bassa.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista clinico e laboratoristico le connettiviti indifferenziate possono presentarsi con astenia, artrite e artralgia, febbre, leucopenia, anemia, fenomeno di Raynaud; talvolta risultano positivi gli anticorpi antinucleo.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Le terapie sono in base ai sintomi evidenziati, da somministrare calcioantagonisti se si evidenzia il fenomeno di Raynaud, mentre analgesici e alcuni antinfiammatori nel caso si manifestino febbre alta e poliartriti. Vengono impiegati principalmente steroidi per via orale o in bolo endovenoso nei casi di gravità maggiore. Viene inoltre utilizzata la idrossiclorochina e nel caso di resistenza agli steroidi si utilizza thalidomide e methotrexate.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

La prognosi risulta essere solitamente buona.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mosca M, Tani C, Bombardieri S., Undifferentiated connective tissue diseases (UCTD): a new frontier for rheumatology. in Best Pract Res Clin Rheumatol., vol. 21, 2007, pp. 1011-1023.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Bonsignore, Bellia Vincenzo, Malattie dell’apparato respiratorio terza edizione, Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-2390-5.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina