Concorrenza imperfetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In economia, per concorrenza imperfetta si intende una quella forma di mercato che assume in se alcune caratteristiche della concorrenza perfetta e altre caratteristiche proprie del monopolio.

La concorrenza perfetta è una forma di mercato in cui tutti i produttori sono caratterizzati dalle medesime funzioni di produzione e di costo, con informazione perfetta, nel senso che tutti dispongono delle stesse informazioni e un'omogeneità, quindi perfetta sostituibilità, dei prodotti.

Tali ipotesi sono difficilmente riscontrabili in mercati reali e costituiscono, al più, un'approssimazione che può essere o meno utile all'analisi economica. Al fine di realizzare un modello economico maggiormente corrispondente alle condizioni reali dei mercati, diverse delle ipotesi del modello di concorrenza perfetta sono state rilassate; in particolare:

  1. Alcuni modelli ipotizzano che produttori e consumatori siano disomogenei, che i prodotti siano non perfettamente sostituibili tra loro, dando adito a fenomeni di fidelizzazione dei consumatori a un dato marchio (in inglese, brand loyalty);
  2. Si sono considerati modelli che prevedono barriere all'entrata e all'uscita dai mercati, ossia costi che un'impresa deve necessariamente sostenere per entrare o uscire da un dato mercato;
  3. È stata rimossa l'ipotesi di informazione perfetta, andando a studiare modelli caratterizzati da asimmetrie informative;
  4. Si sono considerati casi in cui il modello di mercato perfettamente concorrenziale non consegue un risultato ottimale, in termini di benessere, per la collettività: si tratta dei modelli di esternalità e beni pubblici.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]