Cleistocactus strausii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cleistocactus strausii
Cleistocactus strausii (Heese) Backeb.jpg
Cleistocactus strausii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Caryophyllales
Famiglia Cactaceae
Sottofamiglia Cactoideae
Tribù Trichocereeae
Genere Cleistocactus
Specie C. strausii
Nomenclatura binomiale
Cleistocactus strausii
Backeb.

Cleistocactus strausii è una specie di piante succulente appartenente al genere Cleistocactus

Origine[modifica | modifica sorgente]

Il Cleistocactus strausii è originario dell'America meridionale

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una pianta succulente a fusto eretto e colonnare che può raggiungere anche i due metri di altezza e i 4-8 centimetri di diametro. Il fusto, costituito da circa 25 costolature poco profonde, è di colore verde chiaro ma è ricoperto da piccole areole biancastre da ognuna delle quali si sviluppano più di 30 spine sottili bianco-argentate e di lunghezza 1-2 cm; insieme, esse sono paragonabili a una folta peluria bianca e, incrociandosi, ricoprono quasi interamente il fusto facendolo apparire argentato. Al centro dell’areola sono generalmente presenti 4 spine più lunghe di colore giallo-brunastro. Al contrario di alcune cactacee, la crescita del Cleistocactus strausii è abbastanza veloce; in condizioni ideali, partendo da una pianta di 5-6 cm di altezza, in pochi anni si otterrà un esemplare molto più sviluppato. Dalla base del fusto spesso partono diramazioni. Nella parte apicale del fusto, quella più densamente coperta di spine, questa pianta produce dei fiori di colore rosso-violaceo, cilindrici, tubulosi, pelosi e scagliosi, dritti e ortogonali al fusto, che possono raggiungere i 10 cm di lunghezza; essi si schiudono leggermente nelle ore diurne per consentire l’uscita degli organi fiorali (gli stami). I frutti, globosi, di color rosso, lanosi e deiscenti a maturità (ovvero che si aprono spontaneamente raggiunta la maturità per lasciare cadere i semi), contengono numerosi semi bruno-nerastri.

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Esposizione: è opportuno porre la pianta di un luogo soleggiato possibilmente su un terrazzo o all'aperto, se tenuta all'interno è necessario tenerla costantemente vicino ad una finestra. Durante l'inverno può rivelarsi utile la presenza di una serra fredda nella quale collocare la pianta, e comunque bisogna metterla in un luogo dove la temperatura non scenda sotto i 5 gradi Celsius.

Annaffiatura: durante l'estate è preferibile innaffiare una volta ogni 15 giorni(comunque dipende dal terriccio). In inverno se tenuta in serra fredda o su un terrazzo ci si può limitare anche a bagnarla solo un paio di volte.

Terriccio: se coltivata in vaso il terriccio deve essere molto drenante per evitare marciumi radicali, è ovvio che più drenante sarà il terriccio più frequenti dovranno essere le innaffiature. Generalmente 3 parti di lapillo lavico o pomice e 1 di terriccio possono andar bene.

Esemplari di Cleistocactus strausii

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Teresa della Beffa; Piante Grasse, Guide Compact; Deagostini.
  • Piante Grasse, riconoscimento e coltivazione, Pollice Verde, Giunti Demetra.
  • Mariella Pizzetti;Piante Grasse,le Cactacee.


botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica